3 March, 2021, 20:58

18 Febbraio 1990: l’ultima apparizione di Freddie Mercury

Freddie Mercury è stato -com’è più che risaputo- il leader e dunque la voce di uno dei gruppi inglesi più famosi: i Queen. La band è ancora una delle più apprezzate a ascoltate e, in gran modo, anche i loro lavori più lontani. Freddie ancora oggi esercita una grande influenza, senza contare che è ricordato come uno dei più grandi leader della storia della musica, grazie al suo carisma, alla sua stravaganza e al suo modo di coinvolgere il pubblico. Una calamita per la musica e per chi lo seguiva insomma, che ha lasciato una grande impronta sia per il suo operato che per il suo modo di essere. Oggi, proprio all’inizio degli anni Novanta, la sua ultima apparizione in pubblico, che ripercorreremo per rendergli omaggio.

Chi era Freddie Mercury?

Freddie Mercury nasce il 5 settembre del 1946, da una famiglia appartenente all’etnia parsi. Freddie cominciò la sua istruzione in collegio britannico a Panchgani, dove ottenne ottimi risultati. Si rivelò  molto bravo in diversi sport, raggiungendo livelli altissimi, ma la sua passione per la musica non rimase accantonata. Il suo talento fu infatti notato e sarà lo stesso preside della scuola a proporre dei corsi aggiuntivi di musica per Freddie, in cambio di una retta più alta. I genitori accettarono e Freddie apprese molto bene il pianoforte, imparò a leggere la musica e entrò anche nel coro della scuola. Dopo un’altra serie di successi scolastici conobbe quelli che sarebbero stati i suoi fedeli compagni: Roger Taylor e Brian May. Negli anni Settanta com’è ormai risaputo arriveranno i Queen e da quel momento in poi sarà una scalata verso il successo.

Dopo il successo: gli ultimi anni e la morte

Il successo ottenuto dai Queen è innegabile e ognuno dei membri fu portante nella crescita, sia personale che del gruppo. Freddie condusse la sua vita all’insegna della musica ed ebbe purtroppo svariati incontri sessuali che lo porteranno alla morte. Il suo declino salutare fu ad un certo punto tangibile a causa di un male che in quegli anni aveva preso larga mano: l’HIV. La morte per AIDS di Freddie avverrà nel novembre del 1991, ma prima di ciò una sua ultima apparizione pubblica, nel 18 febbraio 1990. Quella fu la sua ultima apparizione televisiva, che servì al conferimento di un premio alla band per il contributo dato alla musica britannica. La sua ultima apparizione in video risale invece al maggio dell’anno successivo, per il video della canzone “These Are the Days of Our Lives”. Freddie a causa della pressione esercitata dai medie infatti, aveva deciso di trasferirsi in Svizzera, dove condusse i suoi ultimi giorni.

Il comunicato stampa e le sue ultime parole

Le congetture sul suo stato di salute circolavano ormai da molto tempo anche per via della morte per AIDS di uno dei suoi amanti. Il 22 novembre del 1991, forse fin troppo consapevole, Freddie decise di lasciare un comunicato stampa (David Bret, Living on the Edge: The Freddie Mercury Story) nel quale dirà:

“In seguito alle disparate congetture diffuse dalla stampa nelle ultime due settimane, desidero confermare che sono risultato sieropositivo e di aver contratto l’AIDS. Ho ritenuto opportuno tenere privata questa informazione fino a oggi per proteggere la privacy di quanti mi circondano. Comunque è giunto il momento di far conoscere la verità ai miei amici e ai miei fan e spero che si uniranno a me, ai miei dottori e a quelli di tutto il mondo nella lotta contro questa terribile malattia.”

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. (mariageraci9@icloud.com)