gtag('config', 'UA-102787715-1');

AC/DC, Cliff Williams: “Ecco come sono stato trattato all’interno della band”

In una recente intervista, all’interno della quale ha avuto modo di parlare e di affrontare diversi temi, Cliff Williams ha trattato di una curiosità e di un aneddoto piuttosto emblematico, riguardante al tipo di rapporto che aveva con i membri degli AC/DC e, soprattutto, riguardante il trattamento che ha subito quando suonava all’interno della band stessa. In merito alle dichiarazioni del bassista, ecco tutto ciò che c’è da sapere servendoci delle parole dello stesso, rilasciate all’interno di una importante è decisiva intervista.

Cliff Williams e la sua esperienza negli AC/DC

Il bassista degli AC/DC ha parlato della sua esperienza all’interno della band, raccontando di quelle volta in cui la formazione australiana ha aperto concerti di grande livello, come quelli dei Led Zeppelin: “Sì, l’abbiamo fatto. Il concerto degli Zeppelin è stato interessante; sul cartellone c’erano anche gli Stone the Crows, che erano una grande band ai loro tempi. I Faces erano fantastici. Abbiamo suonato con loro a Berlin. C’era un corridoio di 100 miglia che attraversavi, c’era neve spessa e avevamo due furgoni per il trasporto, uno per le attrezzature e uno per noi. Il furgone per il trasporto degli attrezzi è uscito di strada, ha perso tutte le attrezzature. Ma siamo arrivati ​​al concerto e The Faces ha detto:” Usa la nostra attrezzatura “. Voglio dire, “Grazie mille, ragazzi.” È stato fantastico.”

Parlando dell’ispirazione fondamentale che l’ha portato a suonare al basso, invece, ha spiegato: “Ovviamente i Beatles e gli Stones e The Kinks e tutto ciò nei primi anni ’60 hanno attirato la mia attenzione. Ne ho parlato l’altro giorno in un’intervista; quando ero davvero piccolo e non avevo iniziato a suonare – probabilmente avevo 12 anni o giù di lì – quando passavo di lì, sarebbe stato un club giovanile o qualcosa del genere, e c’era musica che suonava. Ero letteralmente fuori dall’edificio, ascoltavo solo le linee di basso, probabilmente era James Jameson o qualcun’altro – ha davvero attirato la mia attenzione, quindi immagino che abbia impiantato il seme dentro di me.”

Cliff Williams e quella volta che stava per ritirarsi

Successivamente, Cliff Williams ha avuto modo di affrontare anche un altro tema, riguardante quel momento della sua carriera in cui credeva di essere vicino al ritiro: “Mi sono riunito con un paio di musicisti e abbiamo avuto un gruppo chiamato Bandit per un breve periodo. Abbiamo fatto un album insieme; la band ha continuato dopo che me ne sono andato, aveva un paio di persone interessanti lì dentro. Jim Diamond – che purtroppo non è più con noi – un cantante scozzese, e Jimmy Litherland che era nei Colosseum negli anni ’60 – un grande chitarrista; [il batterista] Graham Broad, che è stato con Muddy Waters per molti anni.”

Infine: “E abbiamo avuto quella piccola cosa per un po’ e sono uscito. Stavo pensando,’ Ho bussato alle porte da 10 anni ormai, forse è questo.’ E poi ho ricevuto una telefonata da Jimmy Litherland in realtà, dicendo che aveva avuto notizia, penso che fosse Muff Winwood [il fratello maggiore di Steve Winwood], i ragazzi [degli AC/DC] erano finiti, alla ricerca di un bassista, e Immagino che il mio nome sia stato gettato nel piatto.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.