gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, Paul McCartney ha fatto causa contro i Beatles perché..

Paul McCartney ha affermato che ha fatto causa contro i Beatles era, negli anni che furono, “l’unico modo” per salvare la loro musica”. Ma per quale motivo? Andiamo a ricostruire bene tutta la storia. “Sapevo anche che, se fossi riuscito a salvare le canzoni, le avrei salvate per noi”. Paul McCartney si è aperto in una lunga intervista parlando del momento e di quella volta che fece causa ai Beatles stessi per “salvare” la loro musica e la loro casa discografica, la Apple. Macca ha ribadito: “I Beatles erano come fratelli che litigavano, è così che fanno le famiglie”. E in fondo, non aveva torto. Ma ha fatto bene a fare quello che ha fatto? Sì.

L’addio ai Beatles e la causa intentata

In una nuova intervista con GQ, Paul McCartney ha approfondito quella che ha descritto come una delle più grandi “idee sbagliate” riguardo la divisione dei Beatles. Macca ha affermato che non aveva altra scelta che fare causa alla band per proteggere la loro musica. Il bassista (anzi, ex) dei Beatles nell’aprile del 1970 annunciò ufficialmente la sua dipartita dalla band da lui stesso fondata e più tardi nello stesso anno intentò una causa legale per chiedere lo scioglimento formale del gruppo. Quindi ha fatto bene ad aver fatto causa contro i Beatles.

La scelta oculata e intelligente di Paul McCartney

Dopo anni di fastidiose battaglie legali, alla fine Paul vinse la causa. Riuscì a vincere i diritti sulla stessa musica della band dalla EMI e dall’editore musicale Allen Klein. Klein aveva rilevato gli affari dei Beatles nel 1969, in seguito alla morte del loro precedente manager, Brian Epstein. Macca ha detto: “Dato che dovevo farlo, penso di essere stato il tipo che ha distrutto i Beatles e il bastardo che ha fatto causa ai suoi compagni. Fare causa alla band era l’unico modo per me di salvare i Beatles e la Apple – e di rilasciare Get Back di Peter Jackson – e ciò ci ha permesso di pubblicare Anthology e tutti questi grandi remastered di tutti i grandi dischi dei Beatles”.

Una scelta sofferta

Se non avesse preso una simile azione, i Beatles avrebbero perso i diritti sulla loro musica. McCartney ha continuato: “Se non l’avessi fatto, sarebbe tutto andato ad Allen Klein. L’unico modo in cui mi è stato dato di tirarci fuori da questo casino era quello di fare quello che ho fatto. Ho detto: “Bene, farò causa a Allen Klein” e mi è stato detto che non potevo perché non era parte del contratto. Come era logico immaginare, è stato orribile e mi ha dato momenti terribili. Ho bevuto molto e ho fatto troppo di tutto. Sapevo che era l’unica cosa da fare, perché non c’era modo di salvarlo per me, perché non c’era modo di lavorare così duramente per tutta la vita e vedere tutto svanire in uno sbuffo di fumo”.

La verità

McCartney ha detto che la disputa ha portato a una delle più grandi “idee sbagliate” della divisione dei Beatles. “Suppongo che quando i Beatles si sciolsero, forse c’era stato un malinteso sul fatto che tutti ci odiassimo. Quello che mi rendo conto ora è che, poiché era una famiglia, perché era una band, le famiglie discutono. E le famiglie hanno delle controversie”, ha aggiunto.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.