gtag('config', 'UA-102787715-1');

Joe Satriani svela: “La miglior chitarra del mondo è…”

Joe Satriani ha spiegato come ha posto fine al suo legame con le chitarre Ibanez dopo aver parlato con l’altra leggenda della chitarra Steve Vai sullo storico duello tra Fender e Gibson. Durante una conversazione per un podcast australiano, Joe Satriani ha discusso della sua connessione con Ibanez e di come si è unito alla brand con una famosa partnership. Joe ha svelato la propria idea riguardo la miglior chitarra del mondo secondo lui. Ha affermato di essere stato un chitarrista molto legato alla Ibanez per 30 anni, ma da dove deriva questo legame?

Joe Satriani costruttore di chitarre

Satriani ha detto che è iniziato tutto così: “Sì, è stato subito dopo aver finito di fare Surfing With The Aliens. Era il 1987 e un giorno il mio amico Steve Vai mi telefonò e disse: “Sto pensando di firmare con questa compagnia giapponese, Ibanez, ma non ne sono sicuro. Posso inviarti una delle loro chitarre, e mi dici cosa ne pensi?” Così ho detto, ‘OK.’ All’epoca stavo costruendo le mie chitarre, quindi quando è arrivata questa cosa, ho pensato: “Bene, ok, lo giudicherò insieme ad altre cose che ho costruito”.

La recensione di Joe Satriani

A quel punto Joe Satriani ricevette le chitarre e fu davvero molto molto felice. Disse: “Mi è davvero piaciuta [la chitarra inviata da Steve Vai]. Ho solo pensato: ‘Wow, questo è ciò che una buona compagnia può davvero fare una volta che si concentrano su un paio di elementi chiave. E per essere totalmente perfetti, fondamentalmente, ci voleva un manico da 25,5 pollici, ma con pickup humbucking come una Les Paul o una SG, e un sistema di vibrato bar che non avrebbe stonato. Solo la flessibilità con i controlli di pickup, volume e controlli di tono, ho pensato: ‘Wow, è davvero fantastico.”. Era quella la miglior chitarra del mondo?

L’amore per le chitarre elettriche

Il chitarrista ha detto: “Questo fu l’inizio della nostra unione in cui avevo finito con “Surfing” e stavo aspettando che venisse pubblicato, mi sono reso conto che avrei dovuto ottenere supporto da un’azienda per iniziare il tour. Lì quindi è iniziata una relazione molto fruttuosa e bella per me. Il chitarrista ha anche detto: “Penso sempre a me stesso: alcuni dei più grandi suoni e innovazioni della chitarra provengono da un’epoca in cui le cose venivano avvitate insieme e incollate a mano. […] I primi anni di Fender e Gibson hanno prodotto alcuni dei progetti più duraturi di sempre per la chitarra”.

I consigli di Joe Satriani

Che sia di fronte a una Les Paul o una Gibson Archtop, o una Strat o una Telecaster, ci si sta sempre immergendo nell’ingegneria e nel genio artistico del secolo scorso. Tutto questo approccio ha cambiato il modo in cui le persone ascoltano la chitarra. Satriani ha in seguito affermato: “Penso spesso: “Facciamo le cose il più semplice possibile”. La chitarra non dovrebbe essere complicata, si tratta ancora di toccare la corda con la punta del dito. Stai solo cercando di comunicare i tuoi sentimenti al pubblico”.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.