gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le più belle canzoni metal sulla solitudine

La musica ci aiuta spesso nei momenti di frustrazione. Sappiamo tutti il potere straordinario che ha. Ciò è indubbio se pensiamo a tutte le volte in cui stesi sul nostro letto ci siamo messi le cuffie e siamo spariti dal mondo. Una canzone può salvare dalla solitudine, ma non per forza distraendoci. Anzi, il più delle volte la musica ha di fatto la capacità di spiegare ciò che proviamo e di farci sentire capiti. In tal senso il rock e il metal sono generi che vantano diversi brani introspettivi. Il sound stesso così elaborato e pesante di questi generi si presta molto ad esprimere determinate emozioni. Per questa ragione, ricordiamo oggi cinque dedicati al tema della solitudine, che appartengono in particolare proprio al genere metal.

System of a down – Lonely day

Lonely day è sicuramente una delle canzoni più malinconiche dei System of a down. Questo brano racconta del giorno più solitario della vita del protagonista, con un riferimento però ad un’altra persona che lascia pensare anche al tema dell’amore.

And if you go, I wanna go with you
And if you die, I wanna die with you
Take your hand and walk away.

Iron Maiden – The Loneliness of the Long Distance Runner

Già dal titolo questa canzone mostra il suo profondo significato. Gli Iron Maiden sono famosi per i loro testi molto curati nei dettagli, uniti ad sound e delle musiche davvero interessanti e originali. Spesso le loro canzoni suonano come racconti epici e poesie. Questo pezzo sembra raccontare una storia come in una ballata medievale, il cui centro è proprio la solitudine.

Linkin Park – Given Up

Sarebbe davvero difficile elencare tutti i brani dei Linkin Park che riguardano temi simili. Inadeguatezza, insicurezza, ecc. I testi così introspettivi hanno reso questa band una delle più amate e che più ha svolto quella funzione salvifica della musica cui facevamo riferimento prima. Given Up è solo uno dei tanti esempi.

Megadeth – In My Darkest Hour

Questa famosissima canzone dei Megadeth più che della solitudine che viviamo noi magari per qualche problema personale, parla di quando sono proprio gli altri a farci sentire soli. Quando avremmo bisogno di qualcuno che invece ci fa sentire abbandonati e senza punti di appoggio. Una grande intensità che rende questo un vero classico del metal.

Did you ever think I get lonely?
Did you ever think that I needed love?
Did you ever think, stop thinking
You’re the only one that I’m thinking of?

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.