logo-dei-nirvana-storia

Logo dei Nirvana: come è nato il famoso smile, logo della band?

I Nirvana sono stati una delle più famose rock band a cavallo tra la fine degli anni 80 e gli inizi degli anni 90. Il gruppo ha svolto un ruolo fondamentale nella scena grunge di Seattle e in generale dell’alternative rock, trasformandolo così in un fenomeno di massa. Vogliamo prendere in analisi uno dei simboli che meglio caratterizzano la band: il logo dei Nirvana.

Come è nato il famoso logo dei Nirvana?

Ci sono molte tesi riguardanti la nascita dello smile, logo dei Nirvana. Alcune credibili, altre invece, molto meno.

L’ipotesi più accreditata sostiene che l’ideazione del logo dei Nirvana è riconducibile all’insegna di uno strip-club di Seattle, il “Lusty Lady”. Sull’insegna appare la frase Have an erotic day!”affiancata proprio da uno smile. Pare che a quei tempi il locale fosse una vera colonna portante della scena rock di Seattle.

Un’altra tesi sulle origini del logo dei Nirvana si focalizza sul suo carattere psichedelico. Lo smile, rappresentato da due X per formare gli occhi e un sorriso incerto, potrebbe rappresentare infatti un uomo alterato, sotto l’effetto di droghe o alcool. Probabilmente l’espressione un po’ inebetita di uno spettatore ad un concerto della band.

Un’ultima ipotesi, quella più divertente e improbabile, sostiene che il logo dei Nirvana altro non sia che una rappresentazione un po’ ironica di Axl Rose, cantante dei Guns N’ Roses.

Il logo dei Nirvana è comparso solo un paio di volte e mai su nessuno dei loro dischi. La prima apparizione dello smile, probabilmente opera di Kurt Cobain, risale al 13 Settembre 1991: venne infatti utilizzato su un volantino per pubblicizzare un evento organizzato in occasione dell’uscita di Nevermind. 

I Nirvana contro lo stilista Marc Jacobs

Ormai è piuttosto chiaro: gli anni ’90 sono prepotentemente tornati di moda e lo stilista Marc Jacobs ha pensato bene di creare una linea chiamata Redux Grunge, ispirata al mondo del grunge, di cui i Nirvana, si sa, sono stati i promotori. Marc Jacobs ha creato diversi capi rivisitando il classico smile della band di Cobain, sostituendo le X sugli occhi con le sue iniziali.

Non tutto è andato però secondo i piani: i Nirvana infatti hanno fatto causa allo stilista. Egli avrebbe usato senza permesso l’iconico logo del gruppo,disegnato nel 1991 e registrato successivamente nel 1992. Lo stilista, oltre che di plagio, è stato accusato di aver completamente distorto l’idea del grunge ed in particolare di Kurt Cobain.

La maglietta firmata Marc Jacobs costa “solo” 205 euro, mentre quella dei Nirvana può essere acquistata sul loro sito per 24,99 dollari.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)