gtag('config', 'UA-102787715-1');

METALLICA: LARS ULRICH RIVELA i brani preferiti da Cliff Burton

I Metallica sono una delle band più rappresentative ed amate del panorama della musica metal. Dal loro esordio assoluto nel 1981 la band nata in quel di Los Angeles ha pubblicato in tutto 18 album di cui 11 in studio. Sono stati inoltre capace di conquistare milioni di ammiratori in tutto il mondo grazie a canzoni del calibro di: “Enter Sandman”, “Nothing Else Matters” e “One”. La loro formazione non è però rimasta invariata nel corso degli ultimi quasi quarant’anni.

Metallica e Cliff Burton

Il ruolo del bassista è stato infatti ricoperto in tutto da quattro musicisti diversi. La sostituzione più pesante è stata sicuramente quella di Cliff Burton, che morì prematuramente il 27 settembre 1986 all’età di soli 24 anni a seguito di un incidente del bus della band in Svezia, mentre era in corso la promozione di “Matser Of Puppets”, all’epoca il loro ultimo disco.

Metallica ed il ricordo del bassista

Sono passati quindi più di 30 anni da quando il mondo ha perso Cliff Burton. Il suo stile innovativo ha ribaltato l’approccio per i bassisti ed è ancora uno dei musicisti più decantati del metal. Mai timido nel discutere cosa ha reso Burton così grande, il batterista Lars Ulrich ha offerto alcune parole sia sull’educazione musicale che sul gusto del bassista, che emergeva soprattutto quando quest’ultimo doveva scegliere il pezzo da ascoltare sul bus.

Le scelte di Cliff Burton

“Ha studiato musica classica e poteva sedersi e parlare con te di Bach, Beethoven e Tchaikovsky”, ha iniziato a dire Ulrich al  nel podcast Talk Is Jericho. “Nel 1981, James Hetfield e io non ci siamo seduti a parlare molto delle imprese classiche, sai? Avevamo una visione un po ‘più ristretta”. Parlando di ciò che Burton adorava di questa musica, Ulrich ha continuato: “Cliff amava l’energia, amava l’aggressività, ma non penso fosse un grande fan degli Iron Maiden. Ricordo che quando abbiamo iniziato a viaggiare sul tour bus, mettevo un po ‘di Maiden o cosa del genere e non si alzava dal suo posto per iniziare ad agitarsi!”.

“Quando arrivava il suo turno”, ha proseguito, “metteva su “Rio Grande Mud” o “Degüello” degli ZZ Top o qualche album degli Yes di cui non avevo mai sentito parlare. Si sedeva lì e sventolava la bandiera dei Jethro Tull. Un’altra band che amava erano i Police.”. Il metal aveva parametri apparentemente definiti, ma Ulrich ha affermato che Burton non la vedeva in questo modo. “Tutta la sua rete era davvero ampia e libera da come avrebbe dovuto essere in una band metal.”.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com