gtag('config', 'UA-102787715-1');

Nick Mason e la sua vita dopo la fine dei Pink Floyd

Nick Mason ha parlato della sua vita dopo i Pink Floyd dicendo: “Non voglio essere un pezzo da museo”. Come batterista dei Pink Floyd, Nick Mason era (ed è ancora) in una delle più grandi rock band del mondo. Come unico musicista ad aver suonato in tutti dischi dei Pink Floyd, il batterista Nick Mason si trova in una posizione unica per ripercorrere i 50 anni di storia di una delle band rock di maggior successo della Gran Bretagna. Ma ha parlato anche del post, perché ci sarà sempre un futuro. Vediamo allora cosa ha detto il batterista sulla sua vita dopo la fine dei Pink Floyd.

La band “Amarcord” di Nick Mason

Nick Mason è colui che mantiene l’eredità della prima fase psichedelica dei Pink Floyd attraverso una nuova band, i Saucerful of Secrets. Si tratta di una sorta di supergruppo, la sua formazione comprende Gary Kemp degli Spandau Ballet, il collaboratore di lunga data dei Pink Floyd Guy Pratt, il chitarrista Lee Harris e il tastierista Dom Beken. Il settantaseienne Mason afferma che la formazione della band era “per molti versi identica” alla formazione dei Pink Floyd nel 1965. “Era un gruppo di individui affini che formavano una band, non esattamente per capriccio, ma senza una chiara idea di direzione. I Pink Floyd si sono formati più o meno allo stesso modo.”

La voglia di suonare

A poco a poco Nick Mason si è reso conto di non voler diventare un “pezzo da museo“. “È così che mi sono  sentito e perché è iniziato tutto. Il problema è che invece di suonare la batteria e finire per essere intervistato, si inizi a sentire di appartenere al patrimonio inglese come guida. In un certo senso diventi la storia, il che è abbastanza divertente il più delle volte, ma in realtà ti stai perdendo uno dei pezzi più importanti, ovvero l’effettiva esecuzione dal vivo e l’interazione non solo con un pubblico ma con i tuoi colleghi musicisti”.

È la fine dei Pink Floyd?

I Saucerful of Secrets hanno focalizzato la loro attenzione sul materiale che i Pink Floyd hanno registrato prima del loro album dei record del 1973 The Dark Side of the Moon. “È stata una mossa molto intelligente” – ha spiegato Mason – “perché il problema con il materiale successivo è che ti ritrovi troppo impegnato a provare a farlo esattamente come nel disco. Diventi più o meno la tua tribute band. Anche Roger (Waters) e David (Gilmour) si esibiscono entrambi e suonano Comfortably Numb and Money e così via, e ci fanno un lavoro fantastico”.

Ritorno al futuro…?

Alla fine, Mason ha detto: “Una delle cose che mi piacciono molto della musica più vecchia, e come quello che facciamo, è che ci dà un po’ più di libertà. Il pubblico non è ansioso di ascoltare la canzone riprodotta esattamente come nel disco; è lo spirito che è più importante”. Gran parte della scaletta dei Saucerful of Secrets deriva dalla musica dei Pink Floyd con Syd Barrett, il cantante e chitarrista anticonformista della band che ha avuto una breve carriera da solista dopo aver lasciato il gruppo nel 1968 prima di vivere il resto della sua vita come recluso. Per Mason, esibirsi in brani come Arnold Layne e Bike offre la possibilità di rendere omaggio al suo vecchio compagno di band.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.