gtag('config', 'UA-102787715-1');

Perchè Bob Dylan rifiutò di esibirsi a Woodstock?

Quasi mezzo secolo fa, tra il 15 e il 18 agosto 1969, circa un milione di persone scesero nella fattoria di Max Yasgur,a Bethel (NY) in nome del libero amore, della pace e della celebrazione delle arti. Woodstock ’69 sarà per sempre ricordato come un momento cruciale nella storia della musica.

Woodstock ’69, un evento che ricorderemo per sempre

Il blues straziante e magnetico di Janis Joplin, la chitarra dissacrante e graffiante di Jimi HendrixGli WhoSantana, il rhythm blues dei Creedence Clearwater Revival. Insomma, furono davvero tanti gli artisti che ebbero la fortuna di esibirsi in quella bellissima cornice. Quei tre giorni di pace amore e musica hanno portato sul palco non solo grandissimi artisti, ma anche politica, libertà, gioventù, rivoluzione, pioggia e fango.

Eppure sul quel leggendario palco non salirono diversi artisti internazionali: John Lennon, Chuck Berry, Frank Zappa, The Doors, I Led Zeppelin… E Bob Dylan.

Bob Dylan, al secolo Robert Allen Zimmerman, ha segnato inevitabilmente la storia della musica. Il poeta, scrittore, scultore e cantautore americano si è imposto non solo nel campo musicale, ma anche nella letteratura e nella cultura di massa. A Bob Dyla, infatti, si devono non solo la creazione della figura del cantautore contemporaneo ed il primo album doppio della storia del rock, ma anche e soprattutto l’invenzione del folk-rock. E, a proposito all’avvicinamento a questo genere, l’artista spiegò: “Questa mia passione è iniziata più o meno nel 1958, quando ho iniziato ad ascoltare Odetta Holmes. Ho ascoltato un suo album per la prima volta in un negozio, quando ancora i dischi si ascoltavano lì. Appena uscì dal negozio andai subito a vendere la mia chitarra elettrica e l’amplificatore per comprare un’acustica.”

Perchè Bob Dylan non partecipò a Woodstock?

E, arrivati a questo punto, una domanda sorge spontanea: ma allora perché Bob Dylan non partecipò all’iconico festival di Woodstock?

La risposta è più semplice di quanto potreste immaginare. Il cantautore di Duluth, infatti, in un primo momento avrebbe dovuto partecipare al festival ma, a causa della malattia del figlio, fu costretto a dare forfait all’ultimo minuto. Qualcuno, inoltre, associò la cosa al fatto che Dylan vivesse proprio nella cittadina di Woodstock e al fatto che nei giorni precedenti al festival ci fosse un gran caos nei dintorni della sua abitazione.

E, se da un lato rifiutò Woodstock, dall’altro accettò volentieri l’invito a partecipare al secondo festival dell’Isola di Wight, che si tenne proprio pochi giorni dopo Woodstock. Il 30 e il 31 agosto, infatti, Dylan salì sul palco allestito nell’isola a sud dell’Inghilterra, per partecipare a quello che fu ricordato come “il festival che rubò Bob Dylan a Woodstock”.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)