gtag('config', 'UA-102787715-1');

Perchè Freddie Mercury non ha mai parlato della sua malattia a uno dei suoi migliori amici

Come abbiamo avuto modo di sottolineare piuttosto spesso, la malattia di Freddie Mercury è stata comunicata soltanto agli amici più intimi e ai conoscenti più prossimi dello stesso leader dei Queen, per quanto lo stesso Mercury avesse un numero molto vasto di amicizie e conoscenze che avrebbero potuto aiutarlo in qualsiasi modo. Le dichiarazioni sono state rilasciate alla stampa soltanto due giorni prima della sua morte, avvenuta tragicamente il 24 novembre del 1991, e pubblicate il giorno prima che la tragedia si consumasse. Tra le persone che sono state escluse da questo segreto confidato da Freddie Mercury c’è anche Peter Straker, uno dei suoi migliori amici che ha condiviso, con lui, 15 anni di intensa amicizia e collaborazione artistica. Ma per quale motivo, pur essendo grandi amici, Freddie Mercury non ha mai voluto rivelare il suo più terribile segreto quello che poteva considerarsi come uno dei suoi migliori amici? Prendendo in considerazione le dichiarazioni dello stesso Straker, cerchiamo di spiegartelo all’interno del nostro articolo.

L’amicizia tra Freddie Mercury e Peter Straker

Al fine di considerare perché Freddie Mercury non abbia mai detto a Peter Straker di avere l’AIDS, per quanto risultasse essere piuttosto palese da parte del suo migliore amico, poi diamo da prima considerare l’amicizia tra i due, che c’è stata per oltre 15 anni di intensa e mutua collaborazione. I due hanno collaborato dal punto di vista prettamente ideologico, essendo lo stesso Peter Straker incluso in moltissimi progetti dei Queen, soprattutto in gran parte del divertimento da parte della formazione britannica, e ha avuto modo di collaborare direttamente con la formazione britannica, vestendosi come un cantante di supporto nel video di The Great Pretender di Freddie Mercury. 

Al di là della dinamica lavorativa, Freddie Mercury e Peter Straker sono stati molto amici tra di loro, attraversando l’Atlantico e partecipando l’uno alle feste dell’altro, fino a quando, intorno agli anni 80, Peter Straker è stato misteriosamente escluso dal circolo delle amicizie, anche piuttosto festaiolo, di Freddie Mercury, apparentemente per un motivo incomprensibile. Per quanto lo stesso Straker si fosse spesso preoccupato della salute di Freddie Mercury, fu probabilmente il suo avvicinarsi preponderantemente alla verità a portare Freddie Mercury a maturare la decisione di cui successivamente riparleremo, per mezzo delle dichiarazioni dello stesso amico.

Le dichiarazioni di Peter Straker

Peter Straker, in effetti, aveva capito benissimo quali fosse la malattia di Freddie Mercury, avendo delle conoscenze mediche relative a quelle macchie che lo stesso cantante britannico presenta va sulla sua pelle e allo stato fisico che gradualmente mostrava. Per questo motivo, dopo aver chiesto espressamente a Freddie Mercury si avesse l’AIDS, il cantante è stato misteriosamente escluso dalle amicizie dello stesso cantante britannico, che decise di non confidarsi con lui riguardo alla sua malattia.

Peter Straker ha voluto confidare questo segreto all’interno di un esclusivo intervista, in cui si è espresso nei termini che seguono: “Tutto quello che ho saputo da Freddie è che aveva questa cosa del sangue, e ho pensato che potesse essere leucemia o qualcosa del genere. Ha cominciato ad avere queste macchie e gli ho chiesto di queste ultime: mi ha detto che aveva una malattia del sangue. Sapevo dell’AIDS, ma non mi è mai passato per la testa. Abbiamo pranzato e lui aveva delle macchie e si era truccato. Siamo andati di sopra e ci siamo seduti a guardare la TV sul suo letto e gli ho detto: “Hai l’AIDS”. E lui ha detto: “No, non ho l’AIDS”. E io gli ho detto: ‘se c’è qualcosa che non va, sono sempre qui per te’.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.