gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quali sono i comportamenti dei fan che le rockstar odiano?

Molto spesso i fan delle varie rockstar si trovano ad odiare i propri beniamini. Il motivo? Qualche comportamento a dir poco discutibile e infastidente. Tanto per fare un esempio, basti vedere le molteplici volte in cui Axl Rose si è presentato in ritardo (lo fa spesso anche Madonna). Ma che dire di quei comportamenti che infastidiscono le rockstar e che sono gli stessi fan ad attuare? Un esempio, soprattutto oggi, riguarda la decisione di usare (e sovra-usare) i telefoni cellulari, pratica che infastidisce non poco Gene Simmons, leader dei Kiss.

I telefoni ovunque che riprendono
Molti artisti, come Adele, hanno deciso di vietare l’uso di telefoni cellulari durante i loro concerti. La motivazione è molto precisa e anche condivisibile: si va ad un live per godersi quell’esperienza e quel determinato artista. I flash dei cellulari è spesso molto fastidioso per i cantanti e musicisti, soprattutto quelli che hanno bisogno del “gobbo” per ricordarsi i testi dei brani. Anthony Kiedis dei Red Hot Chili Peppers ha manifestato diverse volte il suo fastidio nel vedere il pubblico che chiama il partner o usa il telefono per fare altro, senza godersi il concerto.

Le pretese del pubblico nel sentire certi pezzi
Noel Gallagher è uno di quegli artisti che si è sempre disinteressato del pubblico (anche se spesso per ragioni di marketing). Ma negli ultimi due anni, i fan lo hanno particolarmente bersagliato e la faida con il fratello Liam non c’entra granché. Lui stesso si è lamentato per il fatto che il pubblico chiede, desidera e pretende che lui suoni i vecchi classici degli Oasis. Secondo lui, è meglio avere pochissimo pubblico e molto fedele che una audience ancorata ancora ai fasti del passato e senza far evolvere i propri gusti. Che sia una piccola frecciatina agli spettatori pagati del fratello Liam?

Arrangiamenti diversi dagli originali
Questo elemento è strettamente legato al precedente e riguarda diversi fattori. Molti fan si sono lamentati, soprattutto con i gruppi e artisti più longevi, di vedere le proprie hit del cuore pesantemente rimaneggiate. Non si parla del testo, chiaramente, ma degli arrangiamenti. Gli artisti si sono sempre difesi (talvolta usando anche parole piuttosto dure) con semplici motivazioni. Il suono non può rimanere sempre uguale nel tempo, alcuni brani invecchiano particolarmente male, mentre altri possono rimanere tali. Ma il pubblico non sempre sembra capirlo. Ecco che il caso di Bob Dylan e gli arrangiamenti, talvolta veramente strani, di diversi suoi pezzi non sono piaciuti ai fan. Ma lui si è (quasi) sempre disinteressato di ciò.

Le insistenze dei fan e la compravendita degli autografi

Nei mesi e anni scorsi, erano girati molti video che ritraevano Shawn Mendes discutere con un certo fan. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un artista pop statunitense dal grandissimo successo. Nei vari video, si vede il cantante inveire contro un fan per la sua insistenza ma anche per un fatto piuttosto grave. Quest’ultimo ha riconosciuto e denunciato il “fan” di aver spesso chiesto il suo autografo per poi rivenderlo al miglior offerente ad un prezzo esagerato. Di certo, non si tratta di un bellissimo comportamento e la denuncia di Shawn Mendes è assolutamente giustificata.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.