16 January, 2021, 23:27

Queen, Il significato di I’m going slightly mad

I Queen sono una delle band più importanti del panorama rock e non solo. Le loro canzoni sono fondamentali per la storia della musica, veri classici e pietre miliari. Dopo il biopic Bohemian Rhapsody il già fervente affetto nei loro confronti è diventato anche più intenso. Anche se magari avete altri gusti, non potete non aver ascoltato almeno una canzone dei Queen. Freddie Mercury è poi uno dei frontman più carismatici del mondo musicale, lodato per la sua vocalità ma anche per la grande presenza scenica. Una delle canzoni forse più personali di questo artista è I’m going slightly mad, tratta da Innuendo, ultimo album della band con Mercury ancora in vita.

L’ultimo album con Freddie Mercury

Come ben sappiamo, Freddie Mercury morì a causa dell’AIDS, malattia che celò a lungo di avere. Nella Primavera del 1987 Mercury aveva saputo di essere sieropositivo e nel 1989 il virus divenne vera e propria AIDS, così anche il resto della band venne informato delle sue difficili condizioni di salute. Noto a tutti è il modo in cui il frontman affrontò questa difficile situazione, facendo musica fino alla fine. Il vero e proprio manifesto di questo è l’album Innuendo. Nonostante le difficili condizioni di salute, Mercury si impegnò fino alla fine per regalare al pubblico un’ultima grande performance vocale. Innuendo risente moltissimo di ciò che Mercury stava vivendo, ma non ad esempio per canzoni come The show must go on, che è stata scritta da Brian May e non è, come tutti pensano, il testamento di Freddie Mercury. Il suo vero testamento musicale, se così possiamo dirlo, si manifesta in ben altri brani come These are the days of our lives (anche se è stata scritta da Roger Taylor, ha molto di Freddie) e I’m going slightly mad.

I’m going slightly mad e la paura della follia

La canzone, come è noto, ha un video ufficiale in bianco e nero a causa della salute di Freddie Mercury, già precipitata. Era, infatti, in pessime condizioni, addirittura sotto la luce dei faretti sentiva terribilmente freddo. Il bianco e nero era un’espediente per nascondere il tutto insieme ad un make up coprente. Per quanto concerne invece il testo, il tema centrale è la follia. Freddie Mercury sapeva che l’HIV poteva causare una forma di demenza simile alla follia. Allora nel brano ironizza sul fatto di essere finalmente diventato pazzo. Chiaramente, dietro a questo intento umoristico c’è una terribile malinconia. La canzone è apprezzata anche poiché mostra la vera essenza della personalità di Mercury: nessuno sconforto, ma una grande ironia e carisma perfino nell’affrontare l’inaffrontabile. 

 

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano", una raccolta di racconti dal titolo "Dipinti, brevi storie di fragilità" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical. (silviargento97@gmail.com)