The Passenger: storia del brano di Iggy Pop

Iggy Pop, pseudonimo di James Newell Osterberg Jr., è un cantante molto influente, diviso tra la carriera da solista e quella con gli Stooges, che gli diede un primo slancio nel mondo del punk. Il cantante ha partecipato alla realizzazione dei 5 album della band degli Stooges, oltre che a quelli della sua carriera da solista, ben 17. In questo articolo, parleremo del brano The Passenger, pubblicato nel 1977 all’interno dell’album Lust For Life.

Il brano The Passenger

Con un riff più che orecchiabile, distintivo fin dalla sua pubblicazione, che accompagna The Passenger fino al popolare ritornello, fa risultare il brano divertente per tutta la sua durata (4:44). Con un senso di leggerezza si può percepire quelle che erano le sensazioni di Iggy Pop durante i suoi viaggi. E’ proprio questo il tema centrale della canzone, i lunghi viaggi sulla linea S-Bahn di Berlino e quelli nell’auto di David Bowie, suo grande amico.

In un tour in America, Bowie e Iggy Pop passavano molto tempo nei sedili posteriore dell’auto parlando di musica. Inoltre, fu in una di queste occasioni che i due furono arrestati per possesso di marijuana. Lo stesso David Bowie compare nel brano, come seconda voce durante il ritornello e produsse ben due album del cantante statunitense.

L’amicizia tra David Bowie e Iggy Pop

Due personalità così eccentriche non potevano che dare vita all’amicizia più famosa del rock. David Bowie e Iggy Pop si incontrarono la prima volta nel 1971, nel night club Max’s Kansas City. Da quella notte nacque un’amicizia che fece del bene al mondo della musica.

Il cantante di The Passenger ha detto del suo compagno, in occasione della sua scomparsa avvenuta il 10 gennaio 2016: “Mi ha resuscitato. La nostra amicizia era basata sul fatto che quest’uomo mi ha salvato da un punto di vista professionale e forse anche da un annientamento personale. E’ molto semplice”.

Share

Studente universitario, appassionato di cinema, scrittura e rock (hard rock soprattutto). Amante in particolar modo dei testi di Stephen King e della musica dei Led Zeppelin. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.