gtag('config', 'UA-102787715-1');

U2, quel regalo per Slash che si rivelò totalmente sbagliato

Vi è mai capitato di sbagliare regalo in un’occasione importante? Tutti ci siamo trovati in una situazione del genere, almeno una volta nella vita. Siamo così assaliti da un profondo imbarazzo, rendendoci conto di aver clamorosamente toppato. Una sensazione del genere può coinvolgere anche personaggi estremamente famosi a livello mondiale. Stiamo parlando della band rock irlandese degli U2, che ha commesso un errore di questo tipo nei riguardi di uno dei chitarristi più apprezzati in tutto il globo.

Cosa è successo tra gli U2 e Slash

Può succedere che un gesto con intenti nobili possa concludersi in maniera non proprio appropriata. Lo hanno dimostrato, nel recente passato, gli U2 guidati dal loro frontman Bono. L’altro protagonista della vicenda è Slash, storico chitarrista dei Guns N’ Roses che ha intrapreso una brillante carriera da solista. Il musicista stava per organizzare un concerto proprio nella capitale dell’Irlanda, Dublino, insieme a Myles Kennedy & The Conspirators. Gli U2 erano pronti ad accoglierlo a braccia aperte e ad omaggiarlo con una ricca cassa di birra irlandese. Un regalo che sarebbe stato davvero molto interessante se un piccolo dettaglio non avesse fatto la differenza. Infatti, Slash ha smesso di bere da diverso tempo. Una gaffe piuttosto paradossale, che però il chitarrista ha affrontato con notevole flemma.

La comprensione di Slash nei riguardi di Bono

Il gesto di generosità degli U2 si è così tramutato in un errore involontario, assolutamente in buona fede. Slash se n’è reso conto e ha scelto comunque di ringraziare Bono e gli altri membri della band irlandese. Lo ha fatto con un post pubblicato sul proprio profilo di Twitter. “Ringrazio gli U2 per avermi accolto a Dublino con una cassa di birre Guinness. Mi mancava solo questo nella mia assoluta sobrietà”. Il musicista ha quindi preso con filosofia e tranquillità lo sbaglio commesso dai suoi colleghi e ha compreso quello che è stato solo un semplice incidente.

Incidenti che capitano si potrebbe dire ma che testimoniano la capacità del chitarrista di lasciarsi alle spalle un problema come l’alcolismo.

La scelta del chitarrista dei Guns N’ Roses di diventare astemio

Fino al 2006, Slash era alle prese con un problema davvero difficile da risolvere come l’alcolismo. Tuttavia, il chitarrista ha scelto di dare un taglio netto al passato e di smettere totalmente di bere determinate bevande. Proprio in quell’anno, il musicista ha portato a termine una lunga riabilitazione. Da quel momento in poi, per lui l’alcol è diventato solo un brutto e lontano ricordo, nonostante un passato tumultuoso. In occasione di un’intervista rilasciata a Classic Rock MagazineSlash sottolineò quanto per un alcolista non ci fossero vie di mezzo e fosse necessario dire addio anche ad un banalissimo drink. “Se ti capita di bere, ti si riapre una ferita passata. So cosa significa e di conseguenza mi sono astenuto da qualsiasi bevanda alcolica”, ha sottolineato il chitarrista.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)