R3M
LIVE

Eddie Vedder parla con Bruce Springsteen del suo nuovo album “Earthling”

Probabilmente quando due rockstar dialogano per moltissimi fan è un momento interessante come pochi. Ascoltare e guardare interviste dei nostri artisti preferiti ovviamente è un bel momento, ancora di più quando queste interviste mettono in dialogo due star del rock. Bruce Springsteen ha dialogato con Eddie Vedder dei Pearl Jam su Amazon Music a Febbraio 2022 a proposito del nuovo album di Vedder, Earthling e anche riguardo alle sue influenze musicali. L’intervista è stata disponibile su Amazon per 48 ore e ora si trova sul canale YouTube di Vedder.

Bruce Springsteen chiede a Eddie Vedder le sue influenze musicali

L’intervista è interessante non solo perché sono due personaggi noti del rock a parlare, ma anche perché si tratta di due figure sicuramente diverse. Springsteen incarna un tipo di musica lontana sicuramente dal grunge, e anche un periodo di attività totalmente diverso. A un certo punto, Springsteen chiede a Vedder da dove nasce il suo sound così cupo che possiamo vedere nel suo ultimo brani “Earthling”, un lavoro solista. Considerato che lo stesso album vede la collaborazione di un membro dei Red Hot Chili Peppers, il batterista Chad Smith.

Eddie Vedder ha dichiarato:

Le mie influenze sono iniziate forse con i Jackson 5 quando ero un bambino, i Beatles, e poi gli Who hanno preso il sopravvento alla grande.

Lusingando il Boss, Vedder lo ha poi indicato annoverando anche lui tra le sue influenze.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Eddie Vedder (@eddievedder)

La difficoltà di essere solista per Eddie Vedder

Earthling è un disco solista, quindi un momento che allontana Eddie Vedder dai Pearl Jam, non mentalmente ma musicalmente. Anche Bruce Springsteen, per quanto si sia sovente appoggiato alla sua meravigliosa E Street Band, ha lavorato da solo. Per questo i due si sono spesso confrontati sulla difficoltà di gestire tutto da soli, di avere la responsabilità della propria musica senza una band. Durante un’intervista per il podcast Daddy Issues, Eddie Vedder ha raccontato che fu proprio Springsteen ad aiutarlo a gestire i concerti da solista, dicendogli:

C’è un’atmosfera particolare quando si esibisce una sola persona sul palco. A volte può essere terrificante, anche per il pubblico stesso. È come esibirsi in equilibrio su una fune. Ma c’è qualcosa di intimo in quella situazione ed esiste una grande energia.

Non è un caso allora che per presentare il suo terzo disco solista Eddie Vedder abbia deciso di affidarsi al Boss.

Articoli correlati

Condividi