R3M
LIVE

Le canzoni dei Metallica preferite da Kurt Cobain

Kurt Cobain è una delle figure più carismatiche della storia del grunge, che ha influenzato una generazione, un simbolo che, purtroppo anche per la prematura scomparsa, continua a sorprendere ed emozionare. Per questo non possono che interessarci i gusti musicali di Cobain, specie se legati a una delle band più importanti della storia del metal: i Metallica. Scopriamo quali canzoni preferiva.

Kurt Cobain amava Ride The Lightning

Secondo Kirk Hammett, chitarrista dei Metallica, l’album preferito della band per Kurt Cobain era “Ride The Lightning” del 1984. Hammett ha spiegato che fu lo stesso Cobain a dirglielo:

Quando abbiamo registrato ‘The Black Album’ stavo ascoltando questa band che era su questa etichetta discografica indipendente. Ero davvero preso dal loro primo album. Quindi mi sono seduto con il cantante. Il suo nome era Kurt. Ha detto che uno dei suoi album preferiti era “Ride The Lightning”.

Pubblicato nel 1984, quando Kurt Cobain aveva 17 anni, Ride The Lightning è effettivamente un lavoro eccezionale, con diverse ispirazioni letterarie da parte dei Metallica e metafore e atmosfere incredibilmente originali.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Metallica (@metallica)

Whiplash, la preferita dei Metallica di Kurt Cobain

Hammett ha aggiunto un altro dettaglio succulento: una delle canzoni preferite dei Metallica del frontman dei Nirvana era Whiplash. Pare sia stato proprio lui a chiedere ai Metallica di eseguirla durante un concerto a Seattle, palesando la sua preferenza. Whiplash è un singolo del gruppo pubblicato l’8 agosto 1983 come primo estratto dal primo album in studio dei Metallica Kill ‘Em All e parla di su quello che sente un metallaro durante l’headbanging, da qui il titolo “colpo di frusta”. Ha detto Hammett:

Kurt era un grande fan dei Metallica. Ricordo quando suonammo a Seattle, penso fosse il 1992. Kurt venne allo spettacolo ed era nella fossa dei serpenti, una piccola area sul palco. Ricordo che per tutto il tempo in cui stavamo suonando, continuava ad agitare le braccia verso di me. Sono andato laggiù. Quindi quello che aveva da dire e la sua unica domanda per me era ‘Suonerete Whiplash stasera? E l’abbiamo fatto.

Articoli correlati

Condividi