R3M
LIVE

Quella volta in cui Robert Plant cambiò il nome della regina d’Inghilterra

I Led Zeppelin, come altre band di quel periodo hanno letteralmente creato uno spaccato nel mondo della musica, diventando, per moltissimi, motivo di coinvolgimento e di ispirazione. dal temperamento inconfondibile e con una forza comunicativa straordinaria, sebbene abbiano avuto poco tempo rispetto ad altre band, sono riusciti a lasciare una traccia molto più incisiva.

L’inconfondibile Robert Plant

Robert Plant, incarna, sicuramente, il prototipo del frontman per eccellenza. Coinvolgente, forte, carismatico e potente, ha fatto in modo di dare un’immagine, grazie anche alla collaborazione degli altri componenti, a quel gruppo tanto amato – ma anche odiato – in quel periodo e oltre. Riconosciuto per diversi avvenimenti e per alcuni atteggiamenti che in un certo periodo hanno destato scalpore, vediamo cosa fece Robert a proposito della regina d’Inghilterra.

Led Zeppelin, 1977

Torniamo al 1977, i Led Zeppelin erano in tournée del Nord America, era un evento che nessuno voleva perdere. Nonostante tutto, i concerti sono stati un’esperienza unica, Robert Plant era al top della forma e amava scherzare di fronte a un pubblico esaltato. Hanno incluso un paio di canzoni che non suonavano dal 1973: “Over The Hills And Far Away” e “Heartbreaker”, ma quando è arrivato il momento di mettersi in mostra con “In My Time of Dying”, Plant ha voluto dedicarlo alla regina d’Inghilterra con queste parole: “Stasera si apre una nuova tappa, nel venticinquesimo anniversario del regno della regina d’Inghilterra, che non è una cosa da poco”, dopo una sosta drammatica e con un sorriso sul viso, ha aggiunto: “Quindi… questo sta andando per Liz…” ovviamente riferendosi a Liz Taylor.

Articoli correlati

Condividi