R3M
LIVE

Quella volta che Bruce Dickinson inviò dei mattoni a Blaze Bayley

Paul Bruce Dickinson è un cantautore britannico, famoso per essere il frontman del gruppo degli Iron Maiden. Laureato in storia, è considerato uno dei maggiori cantanti e il suo stile, principalmente incastrabile nell’heavy metal, ha ispirato altri cantanti dello stesso periodo di attività, ma anche successivo. Dickinson scoprì le sue doti canore quasi per caso, poiché stava cercando di imparare Let It Be dei Beatles. Prima di far parte degli Iron Maiden però, militò in altri gruppi e fu proprio in questi primi anni che mise in atto il suo talento e che scoprì la sua estensione vocale.

L’entrata di Bruce Dickinson negli Iron Maiden

Erano gli anni Ottanta e, come precisato prima, Bruce Dickinson aveva già fatto parte di altri gruppi, fino a quando nel 1981 non entrò negli Iron Maiden. Debuttò con loro nel Palazzetto dello Sport di Bologna, il 26 ottobre 1981, con la canzone Sanctuary. Collaborò con loro per molti anni pubblicando album di successo, come quello del 1983 Piece of Mind. Si tratta del loro quarto album, velato di venature progressiste, il quale ha avuto un grande successo. La sua permanenza negli Iron Maiden arriverà al 1993, anno in cui segna il suo ultimo concerto con loro il 28 agosto. La verità è che Bruce aveva iniziato la sua carriera da solista parallelamente alla sua attività nel gruppo, già a partire dal 1989, carriera che sarà curata anche dopo l’allontanamento della band. Ecco qui la sua prima esibizione:

Cosa accadde dopo l’allontanamento di Bruce dalla band?

Come spesso accade dopo che un cantante o un qualsiasi membro di una band si allontana, si cerca di ristabilire un equilibrio quanto prima possibile. La mossa degli Iron Maiden fu quella di sostituire Bruce Dickinson con un altro cantante: Blaze Bayley. Dickinson aveva deciso di dedicarsi unicamente alla sua carriera da solista e, giustamente, la band trovò un sostituto. Blaze è stato leader di un anonimo gruppo, ma il suo successo è dovuto principalmente alla sua presenza negli Iron Maiden dal 1994 al 1997. Alcuni non nutrivano grandi speranze nei confronti di questo cambiamento e per parte è anche comprensibile, visto che gli Iron Maiden erano un gruppo già avviato e solido. Tuttavia, c’era qualcuno che stava facendo il tifo per lui da dietro le quinte: lo stesso Bruce Dickinson, che dirà:

“Quando Blaze ha ottenuto il lavoro, ero tipo, ‘Wow, spero che funzioni'”, ha detto Dickinson a Classic Rock nel 2017. “Pensavo che sarebbe stato probabilmente più difficile di quanto potesse immaginare, anche se stava avendo un grande momento. E senti, se gli Iron Maiden ti hanno offerto il lavoro, non hai intenzione di rifiutarlo, vero?”

Un regalo… insolito

Proprio per dimostrare il suo sostegno Bruce Dickinson, mentre stava portando avanti la sua carriera da solista, decise di incoraggiarlo inviandogli un regalo, sebbene non si tratti di un oggetto che possa rientrare nell’ordinario. Il famoso cantante ha infatti deciso di regalare a Balze Bayley due mattoni gialli per la sua casa.

Articoli correlati

Condividi