gtag('config', 'UA-102787715-1');

I Soundgarden annunciano un nuovo album con del materiale inedito di Chris Cornell

I Soundgarden, nati a Seattle nel 1984, sono stati, insieme ai Pearl Jam e ai Nirvana, i capostipiti del grunge. La band, capitanata da Chris Cornell, era inizialmente conosciuta con il nome di “The Shemps”. Il contributo di Cornell, come si può immaginare, è stato fondamentale per lo sviluppo del genere grunge e per la crescita del gruppo. Dopo la sua morte, avvenuta il 18 maggio del 2017,  nulla è stato più come prima.

Il chitarrista Kim Thayil: “siamo in possesso di tanto materiale già scritto e registrato”

Il chitarrista dei Soundgarden Kim Thayil, durante una recente puntata di SiriusXM, su “Trunk Nation LA Invasion”, ha parlato di un possibile album postumo con del materiale inedito di Chris Cornell, raccolto prima del suo decesso improvviso.

“Si, è una cosa abbastanza realistica: abbiamo qualche ultimo colpo in canna. C’è tanto materiale già scritto e in alcuni casi già provato e registrato. Tutto ciò che occorre è che ogni componente faccia il proprio dovere. Poi possiamo scegliere il produttore che più ci convince, affinché esca fuori un lavoro degno dei Soundgarden. Quindi si, è possibile esca un disco postumo fatto di inediti, anche perché è esattamente quello che stavamo facendo prima che Chris morisse.”

Dopo le tante indiscrezioni e le tante divergenze tra i membri della band e gli eredi Cornell, pare che finalmente sia arrivato il via libera per un nuovo inedito lavoro. “Ora che ogni cosa è al suo posto, non ci dovrebbero essere altri intoppi. Oltre al fatto che non siamo ancora in possesso dei file audio di Cornell, ma sono sicuro che arriveranno a breve. Sarebbe ridicolo se non fosse così, ma purtroppo queste sono faccende complicate: affari che riguardano partnership e proprietà.”

Insomma, pare proprio che manca ancora un ultimo, fondamentale, tassello. Il più importante di tutti: i file audio originali delle registrazioni di Chris. “Per ora purtroppo è tutto bloccato.” Ha spiegato il chitarrista Kim Thayil, aggiungendo: “Sono due anni che ci stiamo provando, ma non siamo in possesso di nessuna demo di Chris, abbiamo solo qualche copia. A noi servono i materiali originali per poter sovraincidere le nostri parti e finire il disco.” A quanto pare però fortunatamente, questo complicato nodo di problemi e incomprensioni, sta per essere definitivamente sciolto.

I Soundgarden senza Chris Cornell?

Durante l’intervista, poi, è stato chiesto a Thayil se c’è una remota possibilità di vedere i Soundgarden in tour con un sostituto di Chris Cornell. Un’eventualità che, a quanto pare, non sembra nemmeno lontanamente immaginabile: “Mi dispiace ma… mancherebbe una grossa parte di quello che eravamo, è una cosa impensabile. L’unica cosa che possiamo fare come band è restare attivi circa la valorizzazione dei nostri precedenti lavori. Poi per il resto, dato l’affetto che io e gli altri membri proviamo per Cornell, non vedo alcuna possibilità di una nostra reunion senza di lui.“

I Soundgarden hanno sempre sostenuto Chris Cornell e, viceversa, il cantante di Seattle ha sempre appoggiato la sua band. Più di una volta Chris infatti, rischiando anche di apparire arrogante, ha affermato che il suo gruppo è stato spesso sottovalutato: “Sotto molti aspetti i Soundgarden sono stati sottovalutati. Tra tutte quelle rock band uscite fuori nella stessa epoca, noi eravamo quelli più all’avanguardia. C’era più varietà nei nostri testi, nel nostro sound.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)