gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury: il ricordo di Brian May e l’omaggio della band con il brano No One But You

Brian May, nato il 14 luglio del 1947, è uno dei più grandi chitarristi al mondo: il suo contributo nei Queen è stato, negli anni, fondamentale per la crescita e lo sviluppo della band. Il chitarrista britannico, pochi giorni fa, ha voluto celebrare ancora una volta il suo caro amico e collega Freddie Mercury.

No One But You (Only Good Die Young), il brano dedicato a Freddie Mercury

Il musicista, infatti, nell’anniversario della morte di Mercury, avvenuta il 24 novembre del 1991, ha pubblicato un post sul suo profilo Instagram ufficiale, accompagnato da una breve clip.

Nel post Brian fa riferimento ad una canzone in particolare: “No One But You (Only The Good Die Young)”, ammettendo di averla scritta proprio per il compianto leader dei Queen. Il brano, pubblicato nel gennaio del 1998, è estratto dalla settima raccolta della band: “Queen Rocks”.

Il singolo è, in verità, il primo brano dai tre componenti rimasti dopo la morte del frontman: una vera a propria dedica a Freddie e a tutte quelle persone scomparse prematuramente. Tuttavia, inizialmente, May aveva pensato di inserirla nel suo album da solita “Another World”, uscito nello stesso anno.

Questa canzone ha un sapore particolare, come se fosse davvero l’ultimo piccolo frammento dei Queen. La parte vocale è stata divisa tra Brian May e Roger Taylor ed è, inoltre, l’ultimo brano inciso con la partecipazione del bassista John Deacon. Il musicista, infatti, si è ritirato definitivamente dalle scene musicali dopo l’incisione di questo singolo.

Nella clip del video di “No One But You (Only The Good Die Young)“, molto toccante e commovente, si alternano le immagini della band alle prese con il brano e vecchi filmati che ritraggono Freddie Mercury. 

Il toccante post di Brian May condiviso su Instagram

Nell’anniversario della scomparsa di Freddie, May si è sentito particolarmente toccato da tutti i tributi e le dediche pubblicate sui social e, così, ha pensato di rivolgere anche lui un piccolo pensiero a Farrokh Bulsara.

“Di solito mi sento sempre così abbattuto in questo giorno dell’anno. Difficilmente pubblico qualcosa,  ma sono stato veramente toccato da tutti questi fantastici tributi su Instagram e Twitter. Uno di questi commenti mi ha ricordato di quella volta che scrissi No One But You per Freddie: la composi quando inaugurammo la statua di Freddie a Montreux. Quel giorno fummo sommersi dalle emozioni: come la rabbia al pensiero che quella statua era tutto ciò che rimaneva del mio amico. Ma, ovviamente, c’è tanto altro: un arcobaleno di canzoni e registrazioni, di un uomo dotato di una voce che a posteriori sembra troppo pura per questo mondo. Spero tu stia ballando lassù stasera. Grazie a tutti per i bellissimi commenti e i tributi al nostro Freddie. Con affetto Brian.”

View this post on Instagram

I’m always reluctant to post ANYTHING on this day of the year. But I was touched by all your lovely tributes, dear folks, on IG and Twitter – and this post from @stereojazz3D reminded me that I wrote this song (No-One But You) for Freddie on a rainy day when we unveiled the statue in Montreux, and I was flooded with unwelcome emotions – like anger that this was all that was left of my friend. But of course there is a whole lot besides that is left – a rainbow of songs and recordings of a voice that seems in retrospect too pure to be of this world. I guess you WERE Made in Heaven, dear Freddie. I hope you’re dancin’ up there tonight. Bri —- thanks @stereojazz.3d. 💥💥💥💥Just been reading your comments, folks – what a wonderful tribute to our Freddie – thanks for all the kind thoughts. Tonight we are One. Bri

A post shared by Brian Harold May (@brianmayforreal) on

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)