18 settembre 2021 01:14 sabato

I cinque concerti Rock più coreografici di sempre

La storia del Rock corre di pari passo con l’esibizionismo che ha portato i suoi maggiori esponenti nell’olimpo delle Star più grandi di tutti i tempo. Lo sfarzo, l’eccesso e l’edonismo collidevano alla perfezione con personalità esplosive che trovavano il loro culmine sul palco, innanzi a migliaia di ammiratori adulanti.

L’apporto che alcuni eventi hanno avuto sulla cultura musicale moderna, rimane tutt’oggi inimmaginabile. Musicisti che, in una sola sera, hanno scritto interi capitoli del Rock. Gli anni d’oro in cui il genere segnò definitivamente il proprio distacco dal ciò che restava nel panorama musicale dell’epoca; hanno visto alcuni dei più grandi musicisti di tutti i tempi lanciarsi in esibizioni assolutamente strepitose.

Uno dei più grandi dibattiti che continua ad aleggiare intorno ai fan di tutto il mondo, riguarda proprio la decisione di quale sia il più grande concerto Rock di tutti tempi. Com’è ovvio, ognuno di noi preserva un concerto in particolare nel proprio cuore; questo, in funzione dei propri gusti musicali e delle proprie band preferite. Ciò nonostante, chiunque può trovarsi d’accordo, a prescindere dalle preferenze personali, nell’identificare alcune esibizioni come le migliori di sempre. In questa classifica, abbiamo raccolto alcuni dei concerti che, secondo noi, hanno, oggettivamente, fatto la storia del Rock.

5) The Who – Live At Leeds University

Stanchi delle estenuanti sessioni d’incisione e delle tempeste mediatiche causate dalla celebrità, gli Who decisero di tornare alle origini; dimostrando apertamente nostalgia e affezione nei confronti dei loro esordi. Così, nel 1969, l’iconica Rock Band capitanata da Roger Daltrey, reduce da un lungo tour Nordamericano, scelse l’università di Leeds come scenario per uno dei concerti più spettacolari nella storia del Rock, il leggendario Live At Leeds.

4) David Bowie – Live At Hammersmith Odeon

Quello del Duca Bianco nel 1973, fu uno dei più grandi tour che avesse mai affrontato. Era il 3 luglio quando, il pubblico in visibilio all’ Hammersmith Odeon di Londra, assistette inconsapevolmente a quella che sarebbe stata l’ultima esibizione di David Bowie nei panni di Ziggy Stardust. L’artista, infatti, mise i suoi fan al corrente della notizia solo a fine spettacolo. David Bowie sapeva che avrebbe lasciato milioni di appassionati sconvolti per la sua temporanea uscita di scena, desiderosi di volere sempre di più; fu per questo che il Duca Bianco decise di annunciare il ritiro temporaneo nel pieno della carriera, quando il suo personaggio più riuscito aveva riscosso un seguito massivo.

3) Roger Waters – The Wall

Per quanto riguarda The Wall, è opportuno citare la mole di concerti sostenuti dal leggendario ex bassista dei Pink Floyd, Roger Waters, nelle quali ha proposto il suo capolavoro dimostrandosi sempre innovativo e travolgente. Il suo concetto di Live, infatti, trascende da sempre i canoni classici con i quali questo viene identificato; ricostruendo completamente il suo significato. Assistere ad un concerto di Roger Waters significa prendere parte ad un evento capace di distruggere le barriere che si creano tra l’artista e il pubblico, mescolandosi e partecipando attraverso i sensi ad un’opera punto d’incontro tra il teatro, il cinema e l’utopia. Roger Waters fornisce uno spaccato di società tetro e corrotto, come mai attuale; divenendo egli stesso l’attore e fornendo una visione sensibilizzante della realtà nella quale siamo quotidianamente immersi.

2) Queen – Live At Hyde Park

Parlare dei più grandi live della storia e non citare i Queen sembrerebbe quasi blasfemo. Avendo ampiamente parlato degli indimenticabili live a Montreal e a Wembley, in occasione del Live Aid, vogliamo proporvi uno spettacolo a cui la band prese parte poche settimane prima del trentesimo compleanno di Freddie Mercury, nel 1976, ad Hyde Park, luogo in cui si sono susseguiti alcuni tra i più grandi nomi del Rock e, che attirò oltre 200 mila persone. Il concerto dei Queen ad Hyde Park fu uno dei primi momenti in cui la loro stella brillò tanto da abbagliare il mondo. L’evento, gratuito, venne organizzato da Richard Branson. Il gruppo scelse di esibirsi per ringraziare le persone che li avevano sostenuti nei tre anni precedenti.

1) The Rolling Stones – Live At T.A.M.I. Show

Nel 1964, i Rolling Stones si esibirono per la prima volta con un pubblico più ampio, esibendosi al Civic Auditorium di Santa Monica, nel Sud della California. Lo show venne, successivamente, descritto come movimentato, straordinario e travolgente. Il concerto venne mandato in onda su un programma presentato da James Brown. La band eseguì Time Is On My Side, I’m Alright, Around And Around e It’s All Over Now. Il gruppo catturò il pubblico attraverso la forza e l’incisività con cui suonarono i loro brani. L’impatto di questo spettacolo sulla cultura Rock è stato talmente forte da aver portato la musica verso orizzonti completamente nuovi.

 

 

 

 

 

 

 

Share