28 ottobre 2021 22:08 giovedì

Myles Kennedy: “Ecco come andò la mia audizione nei Led Zeppelin”

Myles Kennedy si è rivelato in una nuova intervista, all’interno della quale ha svariato attraverso vari temi, che hanno riguardato non soltanto la realtà musicale della contemporaneità, ma anche il ricordo del passato che l’ha visto molto vicino ai Led Zeppelin, come vi abbiamo più specificamente parlato all’interno di un altro articolo. Kennedy, che ha collaborato anche con Slash mostrandosi come una delle realtà più originali della musica contemporanea, ha ricordato con una grande gioia quel breve sodalizio artistico con la formazione britannica di Jimmy Page e Robert Plant. Ecco tutto ciò che ha dichiarato in merito.

Le dichiarazioni di Myles Kennedy sul nuovo album degli Alter Bridge

La pubblicazione di “Walk The Sky”, il nuovo album in studio degli Alter Bridge guidati dalla voce di Myles Kennedy, ha portato il cantautore e chitarrista statunitense a rilasciare dichiarazioni particolari sulla sua storia della musica, che l’ha portato a diventare grande e a trovare un indirizzo obiettivo nella sua vita: “Se non avessi trovato la musica, probabilmente sarei stato un insegnante di inglese o di storia. […] Probabilmente sceglierei l’era rivoluzionaria perché da bambino ne ero affascinato. Avrebbe potuto essere perché sono nato a Boston dove si sono svolte molte cose del genere; ero davvero interessato alla storia della zona. Se fossi stato in grado di farlo, probabilmente sarei stato un architetto ma non ero abbastanza intelligente. Amo quella roba ma sono terribile con la matematica, quindi non penso che sarebbe stata una buona idea”.

Myles Kennedy e l’audizione con i Led Zeppelin

Nel corso della stessa intervista, Myles Kennedy ha avuto modo di rilasciare alcune dichiarazioni circa l’audizione con i Led Zeppelin che l’ha portato a rapportarsi con i pilastri della storia della musica: “Incontrarsi con Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham è stata un’esperienza così fantastica, solo per essere in quell’ambiente per la settimana, o per quanto tempo fosse. Come fan, mi sono sentito saziato. Penso che qualsiasi cosa oltre a quella sarebbe stata un’esperienza incredibile, ma un compito scoraggiante, nel senso che ci sarebbe stata un’incredibile aspettativa.”

E ancora, Myles Kennedy ha dichiarato: “Puoi dire lo stesso per il progetto con Velvet Revolver perché quando riunisci un gruppo di questi giocatori iconici meno i membri con cui le persone sono abituate ad ascoltarli, c’è sempre un livello di aspettativa che la base di fan avrà, che è sicuramente qualcosa che devi prendere in considerazione. Ho avuto abbastanza brivido, il che è abbastanza buono per me. Ricordo di aver pensato mentre stavamo scherzando sul fatto che ci sentivamo come solo quattro ragazzi in una stanza a disturbare queste canzoni, c’era qualcosa di veramente speciale. Ricordo di aver pensato ad alcuni punto che una volta uscito da questa stanza, è un animale completamente diverso, quindi lo prenderò e mi divertirò”.

 

Share