1 August, 2021, 08:19

Quella volta che i Sex Pistols rubarono la strumentazione di David Bowie

Nel corso della storia del rock sono avvenute tante situazioni di confronto tra rockstar, attraverso tutte le modalità possibili che potrebbero essere pensate in quest’ottica. Dalle ispirazioni ai confronti, dalle collaborazioni ai grandi duetti, la storia della musica ha regalato tantissimi di questi avvenimenti che si ricordano – nella maggior parte delle volte – con sincero piacere. In altre situazioni, alcuni avvenimenti possono essere anche piuttosto spiacevoli ma, allo stesso tempo, sono comunque tramandati nel corso della storia. A proposito di questi ultimi, vogliamo parlarvi di quella volta che i Sex Pistols rubarono la strumentazione di David Bowie. 

La situazione economica dei Sex Pistols e di Paul Cook

Al fine di inquadrarvi quel furto che riguardò i Sex Pistols e direttamente David Bowie, vale la pena sottolineare quella situazione economica che viveva la formazione britannica e – in particolar modo – Paul Cook, batterista inglese passato alla storia per aver fondato i Sex Pistols e per aver suonato all’interno della formazione stessa. I Sex Pistols non navigavano certamente nell’oro, anche a causa del fatto che la formazione non si era ancora affermata all’interno del contesto musicale britannico.

Tuttavia, l’attitudine della band era la stessa che si paleserà successivamente e, per questo motivo, la formazione aveva studiato un piano perfetto per studiare nel modo migliore possibile, nonostante non avesse denaro per permettersi la strumentazione adatta. Paul Cook, che abitava vicino a diverse sale da concerto più famose nel Regno Unito, pensò che la formazione stessa potesse rubare strumenti quando nessuno era presente, semplicemente entrando dalle porte sul retro.

La storia dei Sex Pistols che rubarono la strumentazione di David Bowie

Data la considerazione sopraccitata, dunque, possiamo capire quali sono le basi sociali ed economiche – nonostante ciò non significhi che le condividiamo – che hanno portato i Sex Pistols a rubare la strumentazione di David Bowie. Il cantante britannico doveva giungere all’Hammersmith per concludere il suo tour, quando subì il furto da parte della nascente formazione punk britannica, che non si era ancora affermata nel panorama musicale e che viveva in tempi di povertà assoluta.

Avendo diverse date all’interno dell’Hammersmith, l’attrezzatura di David Bowie non era stata smontata dal palco, e ciò caratterizzava un’occasione d’oro per i Sex Pistols che avrebbero potuto mettere a punto il proprio piano. Così fu e, durante la notte e al termine della fine del concerto, la strumentazione di Ziggy Stardust fu derubata dalla band. Non si sa quale possa essere stata la reazione di David Bowie, così come non si sa se si venne mai a sapere del furto dei Sex Pistols. Il resto è storia, che si apprezzino o meno i britannici che hanno in qualche modo cambiato la storia della musica britannica.

Share