27 settembre 2021 20:37 lunedì

Qual è stata l’ultima canzone registrata da John Lennon?

Era l’8 dicembre del 1980 quando il volto della musica contemporanea rimase gravemente sfigurato. La perdita dell’ex colonna portante dei Beatles; nonché artista straordinariamente visionario, John Lennon, gettò in un profondo stato di sconforto l’intero mondo dell’arte e della cultura. Ad oggi, la sua morte continua a flagellare le persone che in vita lo avevano amato e ad attanagliare milioni di appassionati in tutto il mondo.

Lennon si trovava al picco della sua carriera quando Mark David Chapman lo assassinò a Manhattan. Le ceneri dell’artista vennero consegnate a sua moglie Yoko Ono. A 5 anni dalla sua morte, la città di New York dedicò un memoriale in suo onore a Central Park. Molti paesi del mondo regalarono alberi da piantare in zona mentre la città di Napoli gli dedicò un mosaico; divenuto iconico e posto al centro dell’area. In molti, ancora oggi, si chiedono quale sia stata l’ultima canzone registrata da John Lennon.

Quale fu l’ultima canzone registrata da John Lennon?

Il dibattito sull’ultima canzone incisa da John Lennon in vita è ancora acceso. In molti considerano I Don’t Wanna Face It il suo ultimo lavoro in studio prima di essere stroncato. Il brano venne registrato il 2 settembre del 1980 e rilasciato sul disco Milk And Honey. In realtà, però, l’ex penna dei Beatles non aveva lavorato ed ultimato il pezzo da solo. Per questo, un numero altrettanto cospicuo di appassionati sostengono che l’ultima performance in studio di John Lennon sia avvenuta in occasione di Walking On Thin Ice, brano in cui l’artista suona la chitarra e firmato da sua moglie Yoko. La traccia è inclusa in Season Of Glass. I due artisti stavano lavorando al disco fino a poche ore prima della tragica morte di Lennon.

Comunque sia, John Lennon avrebbe registrato altre quattro canzoni in casa sua il 14 novembre del 1980. Due di queste, intitolate Pop Is The Name Of The Game e You Saved My Soul, non avrebbero mai visto la luce in via ufficiale, mentre altre due, chiamate Dear John e Serve Yourself, sarebbero poi state pubblicate nell’antologia del 1998, Lennon Anthology. Le origini del profondo dibattito tra gli appassionati per quale sia l’ultima canzone mai registrata da John Lennon prima di morire, affondano le radici nel fatto che, all’epoca, l’artista stesse vivendo nel segno di un grande impeto creativo, per il quale avrebbe avuto in cantiere numerosissime idee, pronte ad essere sviluppate nel breve periodo. In ogni caso, la morte di John Lennon sancì uno spartiacque definitivo tra la grande storia del Rock Classico e tutto ciò che sarebbe arrivato in seguito.

Share