16 May, 2021, 23:28

Adrian Smith e il suo ricordo di Eddie Van Halen: “E’ stato il migliore di sempre per me”

In una recente intervista, Adrian Smith ha avuto modo di affrontare diversi temi, a partire da diversi ambiti che ha preso in considerazione nel contesto specifico della sua carriera e della sua arte; successivamente, dopo aver analizzato altri temi, lo stesso leader degli Iron Maiden ha avuto modo di parlare anche di un suo collega artistico che ha fatto la storia della musica, e che di recente ha trovato la morte in modo assolutamente tragico: parliamo di Eddie Van Halen, che ha perso la vita a 60 anni a causa delle conseguenze negative di un cancro alla gola. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di queste dichiarazioni stesse.

Il ricordo di Eddie Van Halen da parte di Adrian Smith

Vogliamo considerare, in prima battuta, le dichiarazioni che Adrian Smith ha rilasciato a proposito di Eddie Van Halen, che in molti hanno cercato di ricordare attraverso messaggi di cordoglio e di apprezzamento. Ecco quali sono state le dichiarazioni in questione di Adrian Smith, rilasciate al proposito del chitarrista di Eruption: “E ‘stato molto triste, molto triste. Probabilmente lui e Jimi Hendrix certamente nella mia vita sono stati i maggiori effetti sulla chitarra elettrica.”

E ancora: “Amavo il suo modo di suonare, anche se quando è uscito suonavo già da cinque o sei anni. Quindi, se avessi iniziato quando l’ho sentito, lo avrei semplicemente copiato come ha fatto il 99% degli altri chitarristi. È stato fantastico. Mi sarebbe piaciuto incontrarlo. Ci sono andato vicino un paio di volte ma non l’ho mai incontrato. Adoro il suo suono di chitarra. Se ho una chitarra e un amplificatore e sto solo cercando di ottenere un suono, probabilmente lo userei come punto di riferimento “.

Le dichiarazioni di Adrian Smith sul suo libro (e non solo)

Successivamente, Adrian Smith ha avuto modo di affrontare altri temi, riguardanti la sua musica e altri temi relativi alla sua carriera. Ad esempio, il leader degli Iron Maiden ha parlato del suo nuovo libro, nei termini che seguono: “Quando ho ricevuto il libro fisico, sono rimasto sorpreso che ci fosse così tanto contenuto musicale lì dentro. Direi che sono cose più ampie del 30% su di me personalmente e storie su come abbiamo scritto certe canzoni (Iron Maiden), situazioni in cui ci siamo trovati in studio, storie di pesca e viaggi, ovviamente.” 

E ancora, il britannico ha parlato della sua copertina preferita di un album degli Iron Maiden: “Non lo so davvero, quelle grafiche che non mi piacciono troppo come Killers e tutto il resto. Ma probabilmente qualcosa come l’album Brave New World; era piuttosto bello, incorporava le immagini, ma era anche un po’ di più sottile. Mi piace quell’orrore un po’ più artistico che grafico dei primi tempi”.

Share