17 May, 2021, 00:59

Le canzoni più tristi di Lucio dalla

Nel corso della sua carriera discografica, Lucio Dalla ha avuto modo di realizzare i grandi capolavori, che hanno fatto la storia del cantautorato e della musica italiana. Avendo sottolineato in più occasioni canzoni di Lucio Dalla adattabili a specifici contesti, vogliamo fare lo stesso, considerando, però, una componente differente, dettata da quelle che sono definibili come le canzoni più tristi di Lucio Dalla. Ecco quali sono le canzoni in questione.

Anna E Marco

La prima tra le canzoni più tristi di Lucio Dalla è Anna e Marco, in presente, come prima traccia del lato B dell’ottavo album in studio del cantautore italiano, all’interno dell’omonimo Lucio Dalla, album che ha trovato pubblicazione nel 1979; il disco in questione è considerato, dalla critica, come uno dei prodotti di maggior successo di Lucio Dalla, tanto da aver ottenuto, in Italia, il disco di platino con più di 500 mila copie vendute, un risultato di grandissimo valore se consideriamo la discografia dello stesso cantautore, non ricca di numerosissimi successi, ma che ha fatto affidamento ad alcuni prodotti come Dalla e Come è profondo il mare, album di maggior successo del cantautore bolognese. La canzone in questione ha avuto un’ampia trattazione, oltre che numerose interpretazioni, ed è una delle più celebri di Lucio Dalla, nonché una delle più significative In quanto attesto ed contenuto.

Come è profondo il mare

Seconda tra le canzoni che vogliamo considerare all’interno della nostra classifica è Come è profondo il mare, prima del settimo album in studio pubblicato; il disco, registrato all’interno degli Studi RCA di Roma, è il primo in cui Lucio Dalla sia anche autore dei testi, e numerose sono le citazioni ad altri autori, come ai Krisma nel testo di Treno a vela; la canzone in questione è una delle più significative dell’album, insieme a Disperato Erotico Stomp.

Il disco in questione ha venduto più di duecentomila copie, e rappresenta uno dei più grandi successi di Lucio Dalla; Come è profondo il mare è, di sicuro, una delle canzoni più tristi e rappresentative del cantautore, all’interno dell’album e non solo.

Caruso

Caruso è l’emblema delle canzoni più tristi di Lucio Dalla, nonché di uno dei più grandi successi del cantautore Bolognese. La canzone in questione, incisa nel 1986, è tratta dall’album live DallAmeriCaruso, e ha ottenuto un grande successo, raggiungendo la seconda posizione in classifica per 2 settimane. È stato lo stesso cantautore a rivelarne la genesi all’interno di una sua intervista: a causa di un guasto alla sua imbarcazione, infatti, Lucio Dalla dovete soggiornare all’interno di un albergo a Sorrento, che pochi anni prima aveva ospitato il tenore Enrico Caruso, prima della sua morte.

Proprio all’interno dell’albergo Lucio Dalla ebbe modo di rapportarsi al racconto degli ultimi giorni di vita dello stesso, e della passione con cui aveva dato lezioni di canto a tutti gli addetti ai lavori presenti all’interno dell’albergo, che l’avevano ricordato con grande affetto. Avendo tratto ispirazione per scrivere il brano, Lucio Dalla realizzò uno dei più grandi capolavori della sua discografia, che ha ricevuto, non a caso, un numero altissimo di reinterpretazioni, tra le quali alcune di artisti celebri e del calibro di Pino Daniele, Luciano Pavarotti, Anna Oxa, Fiorella Mannoia, Celine Dion e, in ultimo, Jovanotti nel 2020.

Share