20 April, 2021, 10:05

Iron Maiden, il figlio di Bruce Dickinson parla della più grande sfida affrontata nel 2020

Il 2020 è stato un anno a dir poco infernale, tanto per noi quanto per le star della musica internazionale e per i rappresentati dell’industria musicale. In questo anno solare abbiamo dovuto affrontare tante, tantissime sfide. Sfide che ci hanno fatto capire il reale valore della vita. Sfide che ci hanno fatto apprezzare i piccoli piaceri della vita. E, alla fine di questo ciclo, ne usciremo più consapevoli, più saggi. Austin Dickinsonfiglio dello storico frontman degli Iron Maiden Bruce Dickinson– ad esempio, ha dovuto affrontare una grandissima sfida in questo 2020 appena terminato. Una delle sfide più difficili della sua vita.

Iron Maiden, il figlio di Bruce Dickinson parla della più grande sfida affrontata nel 2020

Il 2020 di Austin Dickinson, figlio del cantautore britannico Bruce Dickinson, è stato a dir poco terribile. Nel mese di maggio, infatti, la seconda moglie di suo padre –Paddy– è stata trovata senza vita in casa -in un quartiere londinese- dopo un tragico incidente.

E, come potete immaginare, per Austin è stato un vero e proprio shock:

“Il 2020 è stato l’anno peggiore della mia vita -ha scritto il figlio di Bruce Dickinson sui social network- e, a dirla tutta, nemmeno gli anni precedenti sono stati poi così belli. Purtroppo è stato un anno molto difficile per me e per tutti noi. Ho dovuto combattere contro l’ansia, la depressione e le avversità.”

Il figlio del frontman degli Iron Maiden: “perdere mia madre è stata la cosa più brutta che mi potesse capitare”

Austin Dickinson ha poi aggiunto: “Perdere mia madre è stata la cosa più brutta che mi potesse capitare, è la sfida più difficile che io abbia mai dovuto affrontare. Ci sono così tante cose che non quadrano e non riesco a smettere di pensarci. I primi giorni sono stati orribili: dover rispondere a tutte quelle domande, dover sentire continuamente il nome del tuo genitore morto pronunciato in televisione. Per non parlare, poi, di tutte quelle speculazioni sulla sua morte.”

“Anche guardare i miei amici soffrire è stato difficile -ha continuato il figlio del frontman degli Iron Maiden Non prendiamoci in giro: anche il 2021 sarà un anno difficile e, chi pensa il contrario, mente. La nostra gentilezza -l’unico superpotere che possediamo universalmente- però, potrebbe rappresentare una chiave di salvezza. Quindi, se anche tu ti trovi in una situazione difficile, abbi fede. C’è ancora una speranza, c’è ancora un futuro, una storia da raccontare. Voltati e affronta tutto ciò che verrà dopo con forza, tenacia e profonda empatia.”

Share