17 settembre 2021 14:57 venerdì

Franco Battiato, la storia di Centro di gravità permanente

Franco Battiato viene considerato come uno degli esponenti più eclettici del panorama musicale italiano. Un successo come Centro di gravità permanente non fa altro che dimostrare quanto l’artista sia in grado di dare forma a brani di assoluto rilievo. Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla storia e sul significato di una canzone ricca di fascino, oltre a concentrarci su uno degli album più rilevanti della sua produzione.

La voce del padrone, l’album di Centro di gravità permanente

Centro di gravità permanente è un brano tratto dal disco La voce del padrone, uno dei più importanti della carriera di Franco Battiato. L’album è stato pubblicato nel mese di ottobre del 1981 per opera dell’etichetta EMI  e ha conseguito una serie di dati di vendita davvero straordinari. Infatti, è stato il primo lavoro discografico a superare il milione di copie vendute in Italia, oltre a proiettare il cantautore siciliano verso la vetta della musica nostrana. Ciò viene ampiamente dimostrato anche dalle 18 settimane complessive di primato della Hit Parade. L’opera contiene tracce del calibro di Cuccurucucù e Bandiera Bianca, oltre al brano già menzionato in precedenza. Inoltre, ha consentito a Battiato di diventare famoso anche fuori dai confini italici, con singoli pubblicati in Francia, Spagna, Olanda e Germania.

Le origini di uno dei successi più fulgidi di Franco Battiato

Centro di gravità permanente viene così apprezzato come uno dei manifesti fondamentali della produzione artistica di Franco Battiato. Il testo mette in evidenza uno stato davvero particolare vissuto dall’artista in quel periodo. Il pezzo nasconde un forte impatto simbolico e si basa su una sequenza di immagini inserite quasi in maniera casuale. A tutto ciò, tocca aggiungere un ritmo pop che rende la canzone molto orecchiabile, oltre ad una sequenza di frasi capaci di arrivare subito ad un vasto pubblico. Battiato non nasconde un certo senso di smarrimento e lo inquadra in un contesto altamente filosofici, con riferimenti culturali che possono sembrare alquanto sorprendenti.

Il significato di una canzone molto filosofica

Che cos’è il Centro di gravità permanente tanto richiesto e decantato da Franco Battiato? Non è altro che un mondo intermedio tra la realtà e la funzione, tra il vero e il falso. L’artista si focalizza sulla filosofia orientale e la mescola con l’esoterismo mistico. Dopo il primo ascolto, la canzone potrebbe sembrare quasi senza senso. Eppure, analizzandola al meglio, si nota quanto l’autore cerchi il massimo della propria spiritualità, mettendo in evidenza tutta la sua dottrina ermetica.

Il centro di gravità si tramuta in un puro stadio di coscienza, di una consapevolezza dell’essere che osserva il mondo personale e universale quasi come se non ne facesse parte. Battiato manifesta il suo sogno di alienarsi dalla realtà intorno a lui, riducendo al minimo ogni emozione ed eliminando tutte le sofferenze. D’altronde, tutta la carriera di Franco Battiato sembra reggersi proprio su questa continua ricerca di se stesso.

Share