21 June, 2021, 13:03

“Freddie Mercury, A Life in Ten Pictures”, in arrivo il documentario sulla storia del leader dei Queen

Dopo il grandissimo successo di ‘Bohemian Rhapsody‘ -il biopic incentrato sulla carriera dei Queen girato nel 2018 da Bryan Singer– è in arrivo un nuovo documentario sulla vita di Freddie Mercury, frontman della band britannica e figura chiave della storia del rock: ‘Freddie Mercury, A Life in Ten Pictures‘.

Bohemian Rhapsody, il biopic incentrato sulla carriera dei Queen

La pellicola girata da Singer nel 2018 e incentrata sui primi 15 anni della band britannica più famosa di sempre ha riscosso un successo straordinario, aggiudicandosi addirittura un Oscar. Il merito, naturalmente, è da attribuire anche e soprattutto alla magistrale interpretazione di Rami Malek, l’attore statunitense già noto al grande schermo per aver interpretato il celeberrimo Elliot Alderson nella serie Tv ‘Mr.Robot‘. Bohemian Rhapsody ha assicurato all’attore statunitense una giusta dose di fama e di fortuna, un premio Oscar e soprattutto gli ha permesso di conoscere la sua anima gemella: Lucy Boynton (l’attrice ha interpretato la parte di Mary Austin nella pellicola di Singer).

Questo nuovo documentario, incentrato quasi esclusivamente sulla vita di Freddie Mercury -piuttosto che sulla carriera dei Queen– e targato BBC, vedrà la speciale partecipazione del giornalista del Daily Express David Wigg, amico e confidente di Farrokh Bulsara. Per chi non lo sapesse, infatti, Wigg era uno dei pochi membri della stampa britannica di cui Freddie -quasi sempre scettico e riservato- si fidava.

“Freddie Mercury, A Life in Ten Pictures”, in arrivo il documentario sulla storia del leader dei Queen

David Wigg ha partecipato a parecchi eventi privati ed intimi della vita di Mercury, ma anche a feste e party di ogni tipo. Uno dei più significativi è certamente il party organizzato nel 1946 dal frontman dei Queen a Ibiza, in occasione del suo 41esimo compleanno, al Pike’s Club. E, stando alle parole del giornalista del Daily Express, Freddie Mercury all’epoca sapeva benissimo di aver contratto l’AIDS. L’iconica voce di “We Are The Champions” l’aveva infatti rivelato al suo amico giornalista, raccomandandogli però di non diffondere la notizia in alcun modo:

“David, tu sei un mio caro amico e voglio dirti tutta la verità su questa storia, ma devi promettermi di non scrivere nulla nei tuoi articoli.”

Stando al racconto di Wigg, inoltre, Freddie Mercury sperava fortemente che alla fine sarebbe arrivata una cura per la sua malattia. Sfortunatamente, però, quelle cure arrivarono soltanto qualche anno dopo (nella prima metà degli anni novanta) quando ormai, purtroppo, non c’era più nulla da fare.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *