gtag('config', 'UA-102787715-1');

AC/DC, in uscita un cofanetto con Bon Scott alla guida dei Fraternity

Forse non tutti sanno che Bon Scott, il primo storico frontman degli AC/DC, ha avuto un’attività musicale fervente ancora prima di entrare a far parte della celebre band rock australiana. Entrando nei particolari, va segnalata la sua esperienza insieme ai Fraternity, gruppo appartenente al genere del progressive rock. Tutto è pronto per l’uscita di un nuovo cofanetto che riproduce questo percorso musicale molto importante per la carriera del cantante.

Gli inizi del percorso artistico di Bon Scott

Come già detto in precedenza, Bon Scott ebbe numerose esperienze prima di incrociare il proprio percorso con quello degli AC/DC. Nato in Scozia ed emigrato in Australia all’età di 6 anni, a 20 fu il fondatore della band degli Spektors prima di creare i Valentines, insieme a Vince Lovegrove, e ci rimase per quattro anni. Quindi, tra il 1970 e il 1973 fu la volta dei Fraternity, con i quali incise i dischi LivestockFlaming Galah. Dopo una fase di stasi, Bon suonò insieme ai Mount Lofty Rangers prima di conoscere i fratelli Angus e Malcolm Young, fratelli minori dell’amico di Scott George Young. Fu così che si aprì la sua epopea alla guida degli AC/DC. In questo caso, abbiamo scelto però di concentrarci sul suo percorso insieme ai Fraternity, che nel 1971 presero parte al Myponga Music Festival insieme ai Black Sabbath.

L’uscita di un cofanetto con i tre dischi dei Fraternity con Scott

Il prossimo 22 gennaio sarà una data importante per chi ha sempre amato la musica di Bon Scott. Infatti, quel giorno, uscirà il cofanetto Seasons Of Change – The Complete Recordings 1970-1974, con l’aiuto dell’etichetta discografica Cherry Red Records. La raccolta conterrà i primi due album del complesso, rilasciati dalla RCA, ai quali si aggiungerà un terzo disco inedito, Second Chance. È proprio questo l’elemento più atteso dai fan, che presenterà al suo interno i singoli e le tracce degli EP che non sono stati inseriti in alcun album. Tra i brani bonus, ci saranno anche pezzi realizzati da Vince Lovegrove, risalenti al momento della vittoria dei Fraternity al concorso National Battle Of The Sounds. Un’aggiunta davvero da non perdere per ogni fan.

Come è nato l’album Second Chance, con diverse tracce sorprendenti

Come è nato Second Chance, il terzo album del cofanetto di Bon Scott insieme ai Fraternity che uscirà a gennaio? Tutto è stato realizzato con l’ausilio di Victor Marshall, direttore generale della Grape Organization. Quest’ultima è stata fondata nel 1969 da Hamish Henry con l’obiettivo di dare sviluppo alle rock band australiane. Marshall ha trovato le cache delle sessions di Henry, storico manager dei Fraternity, e le ha inserite in Second Chance. Altre tracce sono state tratte da esibizioni dal vivo tenutesi nell’Australia del Sud, oltre a pezzi inediti e parti dei brani scritti da Scott. A tutto ciò, fu aggiunta una copertina inedita realizzata da Vytas Serelis, la cover designer di Flaming Galah.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)