gtag('config', 'UA-102787715-1');

Album Imagine: cinque curiosità sul disco di John Lennon

L’album Imagine, molto importante per storia e tradizione

Il 9 settembre del 1971 venne pubblicato Imagine, il quinto album in studio della produzione da solista di John Lennon. Rispetto al precedente album in studio (John Lennon/Plastic Ono Band) l’album Imagine riuscì ad avere un successo maggiore. Quest’album, per storia, tradizione e impatto commerciale è molto importante.

Abbiamo deciso di raccogliere cinque curiosità. 47 anni dopo la pubblicazione dell’album Imagine cerchiamo di rievocarne la storia, i contenuti e molto altro.

Il motivo del grande successo dell’album Imagine

Il primo a rendersi conto del grande successo dell’album fu proprio John Lennon. Egli dichiarò che l’album era, qualitativamente, molto simile rispetto al precedente, che era stato invece più sfortunato nelle vendite. Il motivo del grande successo dell’album Imagine? Molto semplice; quest’ultimo “era stato ricoperto di cioccolato per il piacere del pubblico”.

L’osservazione si riferì sia ai contenuti dei brani che all’attenzione strumentale. Da un lato contò molto l’abbondante uso di archi nella parte finale del disco, dall’altro anche la memorabilità di alcuni pezzi

Il conflitto tra John Lennon e Paul McCartney

Le registrazioni del disco avvennero in momento di particolare conflitto tra John Lennon e Paul McCartney. I Beatles si erano separati e Paul McCartney aveva chiamato in giudizio gli altri tre membri della band per avere una separazione ufficiale della formazione.

L’album Imagine venne realizzato in un momento di massima tensione: critiche che rimbalzavano da una parte all’altra, accuse e riferimenti mirati. In questo clima rientrò anche George Harrison, in forte litigio con Paul McCartney, che realizzò parti di chitarra in molte delle canzoni dell’album.

La canzone How do You Sleep?

Caso a sé è rappresentato dalla spietata traccia How do You Sleep?, che generò molte polemiche. La canzone fu realizzata dalla coppia Lennon/Ono in risposta agli attacchi di Paul McCartney all’album Ram.

Nonostante fosse palese il bersaglio di quella canzone, John Lennon cercò di placare i bollenti spiriti dichiarando che quella canzone l’aveva già scritta tempo prima, pensando a sé. Queste furono le sue parole: «Usai il mio risentimento verso Paul… per creare una canzone… non era una vendetta terribile e crudele… Utilizzai semplicemente il mio risentimento verso di lui e l’allontanamento dai Beatles, e i rapporti con Paul, per comporre How Do You Sleep. Non è che me ne vado sempre in giro con quei pensieri in testa…».

L’accoglienza della critica

L’album Imagine fece molto discutere la critica. Il motivo fondamentale fu il confronto con il precedente prodotto discografico e la qualità dei pezzi. Se molti giudicarono subito il disco ottimo (degno di A o di cinque stelle), molti altri si comportarono diversamente in ambito critico.

Emblematiche le cinque stelle su dieci di Piero Scaruffi. O, ancora, il giudizio freddo della rivista britannica Rolling Stone: “contiene una sostanziale porzione di buona musica, ma, se lo paragoniamo all’album precedente (di molto superiore), ci sono avvisaglie della possibilità che i suoi messaggi sembreranno presto non solo noiosi ma anche irrilevanti”

Vendite e certificazioni

Dal punto di vista numerico, invece, il risultato fu assolutamente diverso. Il successo dell’album fu assicurato da tracce come Imagine, ancora oggi immortale.

L’album ebbe molto successo in tantissimi paesi, ottenendo il primo posto nelle classifiche nazionali in Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Paesi Bassi, Giappone e Norvegia. In Canada si fermò al secondo, in Francia al quinto e in Germania al decimo. Quanto al Rolling Stone, che l’aveva trattato con freddezza inizialmente; l’album fu posto (nel 2003) all’80esimo posto della classifica dei 500 album migliori della storia.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.