BB King: 5 curiosità sul chitarrista e cantante statunitense

BB King, una delle più grandi icone del blues

Il 16 settembre è la data di nascita di una delle più grandi icone del blues, nonchè uno dei più grandi chitarristi di sempre: BB King, cantante e chitarrista statunitense. 

Nella sua lunga carriera, Riley B. King è stato uno degli esponenti fondamentali del genere del blues, di cui è diventato uno dei pionieri a cavallo tra il ventesimo e ventunesimo secolo.

E’ considerato l’inventore del vibrato

BB King è considerato l’inventore del vibrato, una tecnica chiamata in questo modo in virtù dei movimenti ad incrociare la corda, piuttosto che seguire la sua lunghezza. Il movimento della mano sulla tastiera, rapido e veloce, è stato definito poi “hummingbird” (colibrì).

Era nipote di un campione del mondo di pesi massimi

Da parte di madre, BB King è stato anche il nipote di un campione del mondo di pesi massimi. Si tratta di Sonny Liston, pugile statunitense, tra i più grandi pugili di tutti i tempi campione dal 1962 al 1964.

Liston è stato protagonista nella cosidettà età aurea del pugilato, dominata ancora dall’azione della mafia. Eppure, è riuscito ad essere il primo grande avversario di Muhammad Alì. Siamo ancora lontani dagli anni della Rumble in the Jungle, ma le prime difficoltà per l’eterno pugile iniziarono proprio con l’antenato del chitarrista statunitense.

Le numerose apparizioni in Tv e i cameo

Tante sono state le apparizioni in Tv, oltre che le comparse all’interno di film. Ha interpretato il ruolo di Riley Jackson nella popolarissima Serie Tv I Robinson; inoltre, nel film 4 fantasmi per un sogno (1993), interpretò se stesso in un cameo. Cinque anni dopo, nel 1998, recitò anche nel film Blues Brothers: Il mito continua. In quel film interpretò Malvern Gasperon, un rivenditore di auto usate.

Lucille, la chitarra immortale di BB King

Di chitarre lo statunitense ne ha suonate tante, nella sua carriera. Ma sicuramente quella con cui ha fatto la storia è la Gibson Custom Shop modello ES-355 (il suo marchio di fabbrica, nonostante abbia utilizzato anche i modelli  ES-175, ES-330, ES-345). La chitarra è stata realizzata su misura di BB King: si tratta di una semiacustica che, come tutti gli altri modelli 355 è dotata di Vari-tone. A differenza di tutte le altre, però, non è dotata delle buche a effe, e il manico è di acero anziche di mogano.

Intorno al nome della chitarra, Lucille, si crea l’immortalità della chitarra dello statunitense. Ci sono due ipotesi che spiegano il nome dello strumento. Secondo una, due pretendenti iniziarono a lottare in un locale (per una donna di nome Lucille) dove si trovava il chitarrista: il locale prese fuoco per via del kerosene utilizzato per illuminarlo e, dopo essere scappato, lo statunitense tornò indietro per recuperare il suo strumento. Secondo l’altra, egli decise di creare un abile doppio senso tra ragazza e chitarra, affermando: «per colpa di Lucille a momenti ci rimetto la vita».

Riconoscimenti ottenuti

Tanti sono i riconoscimenti ottenuti dal chitarrista e cantante statunitense, a dimostrazione di una carriera florida e ricca di successi. Innanzitutto, la rivista britannica Rolling Stone l’ha posto al sesto posto nella ua speciale classifica dei 100 chitarristi migliori della storia. A questa celebre nomina si aggiunge l’ottenimento di 14 Grammy Awards.

E ancora, tra le onorificenze ottenute da BB King ci sono il Kennedy Centers Honor (nel 1995) e la Medaglia Presidenziale della Libertà (nel 2006).

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.