gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, perché George Harrison ha lasciato la band litigando con John Lennon?

George Harrison ha lasciato i Beatles sbattendo veramente la porta oppure è stato un addio “normale” e di comune accordo? Si tratta effettivamente del Beatle meno conosciuto rispetto a John Lennon e Paul McCartney, ma ha avuto lo stesso impatto quando uscì dal gruppo. George Harrison divenne negli anni una grande star solista e venne amato moltissimo dai fan dei Beatles. Non ha avuto lo stesso trattamento di John Lennon, la cui uscita dai Fab Four fu presa piuttosto male da moltissimi fan e uno in particolare sfociò in un gesto terribile: Mark Chapman, fanatico dei Beatles, uccise John Lennon nel 1980. Ora vediamo perché George Harrison ha lasciato la band litigando, secondo le fonti, con John Lennon.

LA FRATTURA TRA HARRISON E LENNON/MCCARTNEY

I Beatles presentavano principalmente i talenti cantautorali di John Lennon e Paul McCartney, con grande frustrazione di Harrison. Un recente documentario ha persino rivelato che le loro canzoni hanno portato Harrison a uscire dalla band. George aveva infatti moltissimi testi e canzoni scritte e messe in un cassetto, ritirate poi fuori nella sua lunga carriera solista. Nel recente documentario intitolato Let It Be, i fan hanno avuto un’idea chiara di come è cresciuto il conflitto tra Harrison e McCartney, nonostante la maggior parte dei tabloid si concentrasse sulle fratture tra McCartney e Lennon. Harrison ammetterà, anni dopo la rottura, che il suo rapporto con Paul fosse complicato, dato che Macca era spesso molto invadente.

L’ATTEGGIAMENTO SNOB DI LENNON E MCCARTNEY

Nel libro Here, There and Everywhere, l’ingegnere e assistente degli studi di Abbey Road George Emerick ha parlato di come fu registrare gli epici album dei Beatles. Emerick ha descritto quanto “sia raro” vedere i compagni di band rendere omaggio a Harrison per il suo lavoro con la chitarra. Eppure Lennon e McCartney hanno molto spesso avuto un atteggiamento un po’ snob verso George Harrison e spesso lo vedevano dall’alto in basso. Magari non tanto dal punto di vista tecnico (Harrison era un buon chitarrista), quando per la sua penna. Va detto che spesso Paul McCartney criticava George Harrison per le sue limitazioni chitarristiche.

POCO RISPETTO PER GEORGE HARRISON

Secondo l’assistente di studio, mentre stavano registrando la canzone Tomorrow Never Knows contenuta nel disco Revolver, Harrison suggerì di suonare uno strumento indiano, il tambura. Harrison infatti aveva una passione per la musica indiana e dalla sua passione venne creato, dopo il viaggio in India dei Beatles, The White Album della band britannica, uno dei migliori dischi di sempre. Tornando al pezzo Tomorrow Never Knows, a John Lennon non dispiaceva affatto l’idea di inserire uno strumento indiano, ma non aveva alcuna intenzione di dirlo al gruppo in toto. Era infatti raro che John desse a George Harrison il rispetto che, in realtà, meritava.

L’ADDIO DI GEORGE HARRISON

La pressione e la costante, secondo Harrison, mancanza di rispetto di Lennon e Macca nei suoi confronti hanno portato a diverse situazioni spinose, anche a scontri fisici. Durante la prova della canzone I Me Mine, scritta da George Harrison, venne evitata la rissa tra Lennon e Harrison. Fu Yoko Ono a evitare la rissa. Lo stesso Harrison, riguardo gli ultimi anni di vita dei Beatles disse: “So che John voleva uscire. È stato un periodo molto, molto difficile, stressante ed eravamo sotto costante osservazione dai giornali e dalla stampa. Ad un certo punto mi sono alzato e ho pensato che dovevo andare via dalla band“. Harrison uscì dalla band nel gennaio del 1969 e per 10 giorni non si fece vivo. Ora sappiamo perché George Harrison ha lasciato la band dei Beatles.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.