gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, quella volta che il pubblico americano voleva censurare i loro dischi perché…

Perché i Beatles erano infastiditi dalle versioni americane dei loro album? Beh, il pubblico americano voleva censurare i loro dischi all’inizio perché c’erano strani motivi sotto. In tutto questo bisogna considerare l’uscita negli Stati Uniti di Rubber Soul del 1965. Quando gli americani hanno aperto i loro vinili del nuovo album dei Fab Four, non hanno trovato “Nowhere Man”, “If I Needed Someone” e “Drive My Car”. Ma come mai? Il pubblico americano voleva censurare i loro dischi in gran segreto per davvero? A quanto sì, ma forse non è proprio una censura…

Durante Rubber Soul…

Pensate che i pezzi uscirono solo molto tempo dopo, quelli mancanti ovviamente. Pare che ala versione giusta del disco Rubber Soul uscì nel 1974. Proprio John Lennon parlò dei problemi creati dai rilasci della musica da parte della Capitol Records. Insieme agli elenchi di tracce non corrette, John ha evidenziato problemi con le copertine degli album e neppure riguardo la scarsa qualità del suono di varie tracce. Gli altri Beatles hanno però contestato che il sequencing delle canzoni era fatto male e la masterizzazione stereo delle versioni americane era a dir poco “imbarazzante”.

Il fastidio di John Lennon

Nel 1974 John ha approfondito i problemi che i Beatles hanno iniziato a scoprire con le versioni statunitensi. Per prima cosa, la Capitol Records ha effettivamente ignorato il design che la band aveva per l’esperienza di ascolto. Lennon ha detto: “Mettevamo in sequenza i pezzi negli album, come pensavamo che dovessero suonare. Abbiamo dedicato molto lavoro alla sequenza delle canzoni. Quindi quasi non ci importava cosa fosse successo agli album in America fino a quando non abbiamo iniziato a venire negli USA di più”.

Una tattica sbagliata

Anche se questa tattica infastidiva i Beatles, l’abitudine di Capitol di alterare il mix monofonico originale (mono) era davvero sotto la pelle dei membri della band. “È stato terribile”, disse John Lennon. Ha detto di aver notato davvero la differenza nelle compilation dei più grandi successi (il cosiddetto “Blue Album” e “Red Album”) che sono uscite negli anni ’70. Lennon disse in maniera diretta riguardo la Capitol: “Quando hanno pubblicato i due album l’anno scorso, immaginavo che li avrebbero semplicemente copiati dai master e pubblicati. Poi l’ho fatto suonare … ed è stato imbarazzante. Alcune tracce erano decenti, ma è stato davvero imbarazzante. Qualche idiota aveva provato a renderlo stereo e non ha funzionato.”

I lavori in più

I Beatles dovevano anche fare servizi fotografici speciali per le uscite negli Stati Uniti. Ogni nuovo album richiedeva una nuova copertina, quindi i Beatles naturalmente avevano un lavoro extra ogni volta che Capitol preparava una nuova uscita. È così che la band finì per fare la famigerata cover di “Butcher” per l’uscita del 1966 di Yesterday… And Today. Inoltre, John ha detto che Capitol avrebbe incluso dei fuori brani e altri pezzi che i Fab Four non avevano previsto per il rilascio. Lennon disse: “Abbiamo iniziato a notare, sull’ottava traccia, che c’erano degli outtakes e dei borbottii all’inizio [delle canzoni]. Questo è anche è interessante ora, ma un tempo ci faceva arrabbiare”.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.