gtag('config', 'UA-102787715-1');

Brian May: “Quando usciremo dall’emergenza Coronavirus, impareremo una grande cosa…”

Lo storico chitarrista dei Queen Brian May ha rilasciato un’intervista all’emittente britannica ITV News. Come ognuno di noi, anche il musicista sta vivendo un periodo di quarantena forzata a causa dell’emergenza coronavirus. May ha scelto così di raccontare le proprie sensazioni e sembra voler lanciare diversi messaggi in vista di un futuro che, si spera, possa essere molto più roseo rispetto al presente.

Gli insegnamenti della quarantena

Brian May ha parlato delle sue condizioni durante la quarantena e su ciò che potrà insegnarci. L’artista britannico ha raccontato ciò sta vivendo nel corso degli ultimi tempi e ha espresso un proprio pensiero riguardante ciò che sarà dopo tale periodo. “Si tratta di un momento complicato per tutti, una vera tragedia”, così esordisce il chitarrista. Ad ogni modo, Brian sottolinea quanto ci siano elementi per i quali bisogna essere grati. “Molte persone – aggiunge – stanno vivendo un autentico incubo e rischiano persino la vita. Anch’io potrei vivere una simile situazione, essendo anziano e vulnerabile”. Nonostante la condizione non sia delle più rosee, May non ha alcuna intenzione di perdere il suo proverbiale ottimismo. “Non è tutto brutto. È possibile pensare anche a tante cose belle. Tutto questo male riguarda solo il tempo che stiamo vivendo”.

Un periodo buio anche per Brian May

All’età di 72 anni e nel bel mezzo del coronavirus, Brian May non vuole scoraggiarsi in alcun modo. Tuttavia, anche una vera rock star come lui ha vissuto momenti abbastanza tristi. “Mi sono sentito davvero depresso. Nelle fasi iniziali, avvertivo una forte difficoltà, specialmente perché avevo perso la mia libertà”. A poco a poco, il musicista si è reso conto che la situazione non è interamente negativa. “Sto accettando la situazione e ci sono tanti elementi da riscoprire durante l’isolamento, davvero moltissimi”. Brian ha elogiato la nuova creatività della gente e ha sottolineato quanto il mondo possa ricevere “grandi lezioni da un periodo così buio, quando ne uscirà”.

La possibilità di cambiare dopo l’isolamento

Secondo Brian May, dunque, non è proprio tutto da buttare. “Ricordiamoci, ad esempio, che abbiamo la possibilità di lavorare da casa nostra, di fermare le automobili e gli aerei, di poter respirare un’aria più pulita”. Secondo May, l’opportunità di ridurre al minimo il tasso di inquinamento è davvero imperdibile e può “salvare tanta gente”. Al tempo stesso, il buon Brian si dice abbastanza contento perché la quantità di animali investiti è notevolmente scesa rispetto al solito, con soccorsi più immediati ed efficaci. “I mali che l’umanità ha condotto nel nostro mondo non sono assolutamente inevitabili. Abbiamo la possibilità di cambiare, di trovare una nuova direzione”. Di conseguenza, secondo lo storico chitarrista dei Queen, la quarantena da coronavirus può tramutarsi in una vera e propria occasione da sfruttare per riscoprire la vera essenza della vita.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)