gtag('config', 'UA-102787715-1');

Cinque segreti su Janis Joplin che probabilmente non conoscevate

Il 4 ottobre 1970 rappresenta, per gli amanti della musica e del rock, di sicuro una delle date più tristi della storia della musica. La morte di Janis Joplin non ha soltanto posto fine ad una cantante brillante ed incredibile, dalla voce stratosferica e dalla personalità incredibile, ma anche ad un vera e propria ideologia, ad un modo di pensare che aveva rivoluzionato il mondo del rock. Ancora oggi Janis Joplin è ricordata come una delle entità più importanti di sempre, e noi vogliamo ricordarla con cinque segreti su di lei che probabilmente non conoscevate.

L’ultima registrazione di Janis Joplin

L’ultima registrazione che Janis Joplin abbia effettuato, prima di trovare la morte, è stato un messaggio di auguri in musica per John Lennon. La canzone, intitolata “Happy Birthday, John (Happy Trails)”, è stata dedicata all’ex Beatle. La canzone è contenuta all’interno dell’album Pearl, il quarto e ultimo in studio della cantante statunitense, pubblicato tre mesi dopo la sua morte. La registrazione è giunta a John Lennon solo dopo la morte di Janis Joplin. 

Le sue ceneri sono sparse in mare

Per chi volesse visitare o recarsi presso la tomba di Janis Joplin non può osservare altro che i semplici memoriali. La cantante statunitense è stata cremata presso l’obitorio del Pierce Brothers Westwood Village a Los Angeles, in California. Le sue ceneri sono state sparse in mare presso Stinson Beach, nell’Oceano Pacifico. La cerimonia che ha portato alla cremazione è stata privata, e ha visto la partecipazione solo dei suoi familiari.

Iniziò a tatuarsi prima che fosse di tendenza

La tendenza del tatuaggio è stata una delle fondamentali nel mondo del rock, ma Janis Joplin l’ha anticipata di qualche anno. Il suo primo tatuaggio è stato realizzato dal leggendario Lyle Tuttle; il simbolo realizzato sul polso della cantante statunitense rappresenta l’ideale di liberazione; insieme a questo, la Joplin aveva anche un altro tatuaggio sul petto, che ha così commentato: “Volevo un po ‘di decorazione. Vedi, quello sul mio polso è per tutti; quello sulla mia tetta è per me e i miei amici. Solo una piccola sorpresa per i ragazzi, come la ciliegina sulla torta.”

Cheap Thrills non si chiamava così

Cheap Thrills, il secondo album in studio della Big Brother and the Holding Company, rappresenta sicuramente uno dei più grandi successi di Janis Joplin. L’album, primo in classifica negli Stati Uniti per otto settimane, non doveva chiamarsi in questo modo: il primo titolo che venne scelto fu “Sex, Dope And Cheap Thrills”, ma la Columbia Records non condivise la scelta da parte della cantante. Per questo motivo, la prima parte del titolo venne cancellata, attraverso una mossa che può ritenersi – a posteriori – giusta.

E’ stata premiata per la sua dipendenza dall’alcol

Il Southern Comfort era la bevanda preferita di Janis Joplin e, per quanto una dipendenza non vada assolutamente pubblicizzata, l’azienda decise di premiarla perchè la sua figura fu presto associata a quella del whiskey; il guadagno crebbe in modo esponenziale, così l’azienda le regalò un cappotto di lince.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.