18 January, 2021, 22:52

Come i Beatles hanno cambiato il mondo della musica

I Beatles non potevano essere liquidati facilmente come i Rolling Stones, che spesso sembravano un gruppo americano surrogato, specialmente quando Mick Jagger iniziò a cantare con un accento americano. I Fab four d’inizio carriera avevano le voci e l’aspetto dei ragazzi del coro, e il loro talento era così ampio che potevano fare qualsiasi cosa: canzoni d’amore, canzoni comiche, canzoni per bambini e canti per le folle di calcio.

Le origini dei Beatles

I quattro di Liverpool erano ragazzi di provincia della classe medio-bassa; né ricchi né poveri, la loro musica non è venuta fuori dalle difficoltà e non sono stati privilegiati culturalmente. Lennon era duro, ma non era la povertà a renderlo duro. Il Liverpool Institute, frequentato da Paul e George, era una buona scuola di grammatica. Il padre di McCartney si poteva permettere di far prendere a Paul e suo fratello Michael lezioni di piano. Più tardi, suo padre gli ha comprato una chitarra.

Cosa rappresentava la band

Come mai tutti i gruppi emersi da quel periodo erano più pericolosi, i più minacciosi, i più sovversivi dei Beatles? Fino a quando non hanno incontrato Dylan e, in seguito, sono entrati in contatto con gli acidi, i Beatles indossavano abiti coordinati e scrivevano innocue canzoni d’amore che offrivano poca ambiguità e nessun richiamo alla ribellione. Mancavano della sessualità di Elvis, dell’introspezione di Dylan e dello scontroso pericolo di Jagger. Eppure tutto nei Beatles rappresentava il piacere, e per i giovani di provincia e di periferia il piacere era solo il risultato e la giustificazione del lavoro. Il piacere era la ricompensa del lavoro e si verificava solo nei fine settimana e dopo il lavoro.

La comunicazione dei Beatles

I Beatles divennero eroi per i giovani perché non erano deferenti: nessuna autorità aveva spezzato il loro spirito; erano fiduciosi e divertenti. Il loro ingenuo edonismo e le loro incredibili realizzazioni erano troppo paradossali. Respingere il nuovo mondo degli anni ’60 significava ammettere di essere vecchi e fuori dal mondo. Per tutta la seconda metà del decennio i Beatles hanno funzionato come quel canale necessario e importante di divulgatori di idee esoteriche, sul misticismo, sulle diverse forme di coinvolgimento politico e sulla droga. Erano, fondamentalmente, bravi ragazzi che sono diventati cattivi ragazzi. E quando sono diventati dei cattivi ragazzi, hanno portato dalla loro parte milioni di persone.

L’intreccio tra musica e vita

Nel 1966 i Beatles si comportarono come se parlassero direttamente al mondo intero. Non è stato un errore: erano al centro della vita di milioni di giovani in occidente. In quel momento, prima che le persone si rendessero conto del potere dei media, i cambiamenti sociali approvati dai Beatles erano avvenuti praticamente prima che molti se ne accorgesse.

I musicisti sono sempre stati coinvolti con la droga, ma i Beatles furono i primi a sfoggiare il loro uso di sostanze senza vergogna. A differenza dei Rolling Stones, non sono mai stati umiliati per aver assunto droghe o trasformati in fuorilegge. I Beatles facevano sembrare l’assunzione di droghe un’esperienza piacevole, alla moda e liberatoria. La loro approvazione, molto più di quella di qualsiasi altro gruppo o individuo, ha rimosso le droghe dalle loro associazioni avanguardistiche e generalmente squallide, rendendole parte dell’attività giovanile tradizionale. Da allora, le droghe illegali hanno accompagnato la musica, la moda e la danza come parte di ciò che significa essere giovani in occidente.

I Beatles sono divinità della musica, il segno distintivo dell’eccellenza nella scrittura di canzoni e, cosa importante, nell’intreccio tra musica e vita.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com