gtag('config', 'UA-102787715-1');

Come si sono formati gli Iron Maiden?

Gli Iron Maiden fanno parte a pieno titolo della storia del rock in tutte le sue forme. La band britannica viene considerata da molti estremamente iconica nell’ambito dell’heavy metal e può vantare una carriera di ben 45 anni, con la prospettiva di andare avanti con grande successo. Come qualsiasi altro complesso in grado di segnare la storia della musica, anche gli Iron Maiden hanno tanto da raccontare riguardo alle loro origini. Scopriamo insieme come si è formato questo progetto intrapreso da Steve Harris e ancora oggi capace di far sognare milioni di appassionati in tutto il mondo.

Le origini del bassista Steve Harris, il fondatore dei Maiden

Torniamo quindi alla domanda iniziale, ossia come si sono formati gli Iron Maiden? L’evento è avvenuto grazie alla passione del bassista Steve Harris. Quest’ultimo faceva parte di altri progetti musicali non proprio di livello professionistico. Nel 1971, il musicista aveva iniziato a suonare con gli Influence, mentre l’anno successivo era stata la volta dei Gypsy’s Kiss. Con questi ultimi, Harris aveva realizzato brani di buon livello, tra i quali Innocent exileDrifter, che in seguito sarebbero stati ripresi proprio dai Maiden. Il 1974, invece, fu l’anno dell’ingresso nella band degli Smiler, dove incontro due futuri colleghi come Doug SampsonDennis Wilcock. Non andò bene neanche questo percorso musicale, ma negli anni successivi la situazione sarebbe cambiata e non poco.



Come sono nati gli Iron Maiden

La nascita degli Iron Maiden è dovuta proprio ad Harris, che nel 1975 decide di creare un progetto tutto suo, come l’aveva sempre sognato. Il bassista incontrò Dave Murray, allora chitarrista degli Urchin. Negli anni successi, si sarebbero aggiunti anche il cantante Paul Di’Anno, l’altro chitarrista Dennis Stratton e il batterista Clive Burr. Fin dall’inizio della loro attività, gli Iron Maiden non nascondevano la chiara ispirazione ad uno stile punk dal quale si sarebbero poi discostati in misura notevole. Dall’oscurità dei Black Sabbath alle armonizzazioni dei Thin Lizzy, dalla tecnica e dagli assoli di due chitarristi dei Deep Purple allo stile veemente degli U.F.O., il mix si è rivelato senz’altro vincente. 

Perché gli Iron Maiden hanno scelto di chiamarsi così

Per quali motivazioni Steve Harris aveva deciso di chiamare il proprio progetto musicale Iron Maiden? Il bassista ha recentemente dichiarato le ragioni che avevano spinto lui e gli altri membri della band ad assumere tale denominazione. “Ormai tutti sanno che il nome Iron Maiden deriva da uno strumento di tortura, citato nel romanzo La Maschera di Ferro di Alexandre Dumas”. Una scelta di questo tipo sarebbe derivata dal desiderio di “andare sul palco e fare tutto ciò che vogliamo”, così come ha confermato lo stesso Harris. In pratica, la voglia di mettere in evidenza tutta la propria adrenalina era già insita nella vera anima del gruppo.





Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)