gtag('config', 'UA-102787715-1');

Come sono nati i Rolling Stones? La storia dell’incontro che creò la band

Le grandi band della musica rock nascondono storie davvero tutte da raccontare. Fin dalla loro nascita, i progetti di maggior livello sono capaci di sorprendere un ampio pubblico tramite una sequenza di aneddoti fuori dal comune. Un discorso del genere è valido anche per quanto riguarda i Rolling Stones, con i primi incontri che hanno visto come protagonisti i tre membri fondatori Keith RichardsMick JaggerBrian Jones che nascondono numerosi spunti molto interessanti.

Mick e Keith, amici fin da piccoli

In realtà, i membri fondatori dei Rolling Stones sono ben cinque. Oltre a Mick, Keith e Brian, bisogna aggiungere anche Bill WymanCharlie Watts. Subito dopo la seconda guerra mondiale, tutti vivono a Londra e dintorni ad eccezione di Brian Jones. Particolare è il caso di Jagger e Richards, che sono molto amici già a partire dall’età di quattro anni perché vicini di casa. Fin da giovanissimi, non nascondono la loro notevole passione per gli strumenti musicali. Dopo vari anni durante i quali non si erano più visti, si ritrovano a bordo di un treno per pendolari e nutrono il progetto di creare un gruppo musicale grazie alla predilezione per il genere rhythm and blues.

Le vere origini dei Rolling Stones

Nel 1962, Mick JaggerKeith Richard si ritrovano ancora una volta e parlano di musica. Si rendono conto di avere in comune l’amicizia di Dick Taylor e scelgono di mettersi a suonare insieme insieme ad altri musicisti. Nel mese di marzo dello stesso anno, Brian Jones ascolta la band dei Blues Incorporated, nella quale suona Charlie Watts. Ne farà parte poco dopo. Quindi, ad un concerto del complesso presso l’Ealing Club, prendono parte anche Mick e Keith, che al termine dello spettacolo parlano con Brian e gli riferiscono l’intenzione di creare un nuovo gruppo musicale. Ed ecco che nel mese di giugno Mick, Keith, Dick, Brian e Ian Stewart iniziano a provare i loro primi brani.

Il 12 luglio, Brian viene invitato insieme alla sua band a sostituire il gruppo di Alexis Korner, presso il Marquee di Londra. È proprio Jones che decide di chiamare il progetto rock con la denominazione di Rollin’ Stones, ispirato ad un brano di Muddy Waters. Oltre a Jagger, Richards, Jones, Taylor e Stewart, c’è anche il batterista Mick Avory. È l’inizio di un’epopea straordinaria, che sarà messa a serio rischio nel 1969 con la morte prematura di Brian Jones e che verrà poi portata avanti fino ai giorni nostri. Ormai i Rolling Stones avanzano spediti verso il 60esimo anniversario dalla loro nascita e continuano a mietere successi in tutto il mondo. La tradizione viene portata avanti da Jagger, Richards, Watts e Ronnie Wood, il chitarrista e bassista che sarebbe entrato a far parte del gruppo dal 1975.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)