gtag('config', 'UA-102787715-1');

Cosa pensa Carlos Santana di Jimi Hendrix?

Carlos Santana ha ricordato il momento in cui ha impressionato Jimi Hendrix. Siamo sicuri, e lui stesso lo ha detto, che Carlos Santana non dimenticherà mai il momento in cui ha ricevuto il timbro di approvazione da parte di Jimi Hendrix. “Era il momento in cui sono andato con lui nel suo studio. Lui stava registrando dei pezzi e sono stato invitato da Devon [Wilson], la sua compagna. E quando sono uscito dal taxi, Jimi Hendrix è sceso dopo il suo taxi e si è avvicinato dove ero e ha pagato il mio taxi … Mi ha stretto la mano e mi ha detto: “Ottima scelta di note, amico.” tipo, ‘Lo apprezzo. Grazie!’“. Questo è davvero quello che pensa Carlos Santana di Jimi Hendrix?

L’AMICIZIA TRA CARLOS SANTANA E JIMI HENDRIX

L’amicizia tra le due rock star fu breve, a dirla tutta. L’iconico chitarrista di All Along The Watchtower morì il 18 settembre 1970, a 27 anni, in seguito ad una overdose di barbiturici. Jimi è uno dei membri del Club 27, una sorta di lista di tutte le persone famose decedute a 27 anni. Qualche esempio? Il chitarrista blues Robert Johnson. Oppure la cantante rock Janis Joplin, morta il 4 ottobre del 1970. Come dimenticare poi il Re Lucertola Jim Morrison, deceduto il 3 luglio 1971. E la lista si allunga se consideriamo la morte di Amy Winehouse, la celeberrima cantante blues e soul inglese, avvenuta giusto qualche anno fa.

CHI FU A PRESENTARE I DUE?

Ritorniamo all’incontro tra Jimi Hendrix e Carlos Santana. Quest’ultimo, che ha pubblicato l’album omonimo della band nel 1969, è sfuggito al triste destino e ha continuato a condurre una carriera lunga decenni, fino ad oggi. Basti pensare al suo 17esimo album in studio intitolato “Supernatural“, pubblicato nel 1999, che ha ottenuto ben 15 dischi di platino negli Stati Uniti e ha vinto otto Grammy. Ma questa è solamente la fine della nostra storia, perché fu Bob Dylan a presentare Jimi Hendrix a Carlos Santana. Nel 1969, Carlos aveva suonato con la sua band al festival di Woodstock ed era, si sa, sotto l’influenza di droghe psichedeliche, tra cui la mescalina. Quello storico concerto aveva, fatal caso, anche Jimi Hendrix.

LA MEMORIA DEL FESTIVAL DI WOODSTOCK

Santana ha detto che molti eventi importanti che si sono verificati da allora gli ricordano la stessa emozione ultraterrena che ha provato mentre si esibiva a Woodstock. “Quando il muro di Berlino è caduto e il signor Mandela uscì dal carcere, sono stato in grado di testimoniare una cosa. Gli umani sono in grado di coesistere con unità e armonia con eleganza, grazia e con lo spirito funky, ma allo stesso tempo un rispetto delle differenze reciproche. Celebriamo le nostre differenze. Non ne abbiamo paura. Quindi, quando penso a Woodstock, me lo ricorda. L’ho visto con i miei occhi, che gli umani sono in grado di fare qualcosa al di là della politica o religione.

DUE ARTISTI VIRTUOSI

È un peccato, in verità, che Jimi Hendrix e Carlos Santana non abbiano mai collaborato insieme. Almeno, fino ad oggi non è uscito alcun disco postumo, ma sarebbe stato bello vedere una collaborazione tra questi due virtuosissimi artisti. Santana forse ha sempre avuto un mood più influenzato dai suoni del Sudamerica, ma poco importa. In sunto cosa ne pensa Carlos Santana di Jimi Hendrix? Semplice, era il suo idolo.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.