gtag('config', 'UA-102787715-1');

David Bowie: da dove viene il suo nome d’arte?

Quando attori e musicisti intraprendono la loro carriera artistica, di solito adottano un nome d’arte che li assista nell’affermazione della loro immagine. Un nome d’arte può essere una manifestazione di carisma come un’altra che, tuttavia, in alcuni casi, si è rivelata fondamentale affinché la figura artistica di chi l’adotta, si imprimesse con maggiore facilità nell’immaginario collettivo. Il vero nome di David Bowie, come sappiamo, era David Jones. Il cantante, in realtà, ha utilizzato la sua identità anagrafica per molto tempo sul palco prima di consacrare all’eterno la sua opera. Quando Davy Jones dei Monkees divenne famoso, David sentì che fosse arrivato il momento di trovarsi un nome d’arte.

Il produttore radiofonico Dan Schreiber, nel corso di un’apparizione allo Screen Time Podcast di Radio One con Ali Plumb ha, recentemente, dichiarato che, in molti, conoscono la storia dell’origine del nome del Duca Bianco. In ogni caso, il produttore ha spiegato che, nella biografia ufficiale di Bowie, viene rivelato che il cantante avesse scelto un altro nome d’arte prima di quello con cui, ad oggi, tutti lo conosciamo. Il giovane David Jones, infatti, avrebbe, in origine, scelto di cambiare il suo nome e non il cognome. Così, la scelta ricadde su Tom Jones. All’epoca, però, Tom Woodward, si era già appropriato del celeberrimo soprannome con cui viene, a tutt’oggi, riconosciuto. Inoltre, Jones, al tempo; era già sulle luci della ribalta.

 La reazione di Tom Jones al “plagio” di David Bowie

Dan Schreiber ha detto: “Prima che diventasse David Bowie, il giovane Jones non aveva intenzione di rinunciare al suo cognome; ne andava fiero. Così, decise di cambiare nome e cominciò a registrare con lo pseudonimo di Tom Jones. Passo davvero pochissimo tempo prima che il vero Jones venisse a saperlo; del resto, Bowie aveva appena lanciato la sua carriera, riscuotendo un discreto successo. Tom si arrabbiò molto; chiese a David perché l’avesse fatto, non poteva capacitarsene. Quindi, il giovane David scelse di cambiare nome e il resto è storia”.

Quindi, tecnicamente, il successo di Tom Jones è stata l’unica ragione per la quale il Duca Bianco sia diventato famoso sotto lo pseudonimo che, ad oggi, ben conosciamo. Durante il podcast, si è parlato di molte curiosità su Bowie. Sembrerebbe che al Duca Bianco fosse stato proposto un cameo nel film di spionaggio Atomica Bionda che, ricordiamo essere ambientato in una Berlino al culmine della Guerra Fredda; Sembrerebbe che Bowie si sia visto costretto a rifiutare a causa delle sue condizioni di salute precarie; a rivelarlo, David Leitch, il co-produttore dell’Action Movie con protagonista Keanu Reeves, John Wick.

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)