gtag('config', 'UA-102787715-1');

David Bowie era il secondo nome sulla lista di Mark David Chapman, l’assassino di John Lennon

Uno degli eventi che più ha sconvolto il mondo della musica negli ultimi 40 anni è stata sicuramente la morte di John Lennon. Ucciso da un uomo che si professava come il suo più grande fan, un certo Mark David Chapman, quel tragico 8 dicembre del 1980 John Lennon è stato raggiunto da 4 colpi di pistola mentre rincasava con sua moglie Yoko Ono. Al folle assassino di Lennon è stata recentemente negata la libertà vigilata (ancora una volta) e, approfondendo la situazione, abbiamo perfino scoperto l’esistenza di un secondo nome sulla lista di Mark David Chapman: David Bowie. Ebbene si, dopo l’ex Fab Four l’obiettivo dell’assassino di John Lennon era proprio il Duca Bianco.

La morte di John Lennon

La passione di Mark David Chapman nei confronti di John Lennon era nota a tutti. E, come ben sapete, una passione può spesso tramutarsi in una vera e propria malattia, un chiodo fisso che ti perseguita. Chapman era così preso dalla figura dell’ex Beatles da sposare nel 1979 Gloria Hiroko Abe, una donna statunitense di origine giapponese molto simile all’anima gemella di Lennon. Questo suo amore per Lennon si trasformò presto in ossessione, soprattutto quando iniziò a dubitare del suo stesso idolo, insinuando che avesse tradito i suoi ideali, quelli che per una vita lo avevano accompagnato.

“Hey Mr. Lennon”, con queste parole Chapman attirò l’attenzione dell’ex Beatles prima di sparargli 5 colpi di pistola, di cui 4 a segno. Per l’autore di ‘Imagine’, naturalmente, ci fu ben poco da fare. John Lennon morì l’8 dicembre del 1980 alle 23:15. L’autore dell’insano gesto, invece, rimase sul luogo del delitto in attesa della polizia.

David Bowie: suo il secondo nome sulla lista di Mark David Chapman

Dopo approfondite indagini, gli investigatori hanno poi scoperto ulteriori informazioni sul caso Chapman contro Lennon. L’ex Fab Four, infatti, non era certo il primo ed unico nome sulla lista dell’assassino. Secondo quanto riportato dal Redbeard Journal, infatti, nel mirino di Chapman c’era anche l’iconico David Bowie.

“Ero il secondo nome sulla lista di Mark David Chapman”, ammetterà lo stesso Bowie durante un’intervista. In quel periodo, quello risalente all‘omicidio di John Lennon, David Bowie aveva in programma uno spettacolo a Broadway nel ruolo di Joseph Merrick dell’opera teatrale ‘The Elephant Man‘ e… indovinate chi aveva un biglietto in prima fila già prenotato per lo spettacolo? Si esatto, Mark David Chapman. E, secondo alcune voci, allo spettacolo avrebbero dovuto esserci anche John Lennon e Yoko Ono.

Il Duca Bianco infatti sottolineò: “La sera dello spettacolo c’erano tre posti vuoti in prima fila, ero distrutto. Per me è stato molto difficile andare avanti.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)