gtag('config', 'UA-102787715-1');

David Bowie: le 5 più grandi collaborazioni del Duca Bianco

David Robert Jones, in arte David Bowie, è stato uno dei personaggi più rappresentativi e influenti della scena pop e rock mondiale. Cantautore, icona globale, pittore ed attore, il Duca Bianco avrebbe compiuto 73 anni l’8 gennaio 2020 e, per celebrare il suo compleanno, abbiamo pensato ad una speciale classifica per voi! Ecco alcune delle più grandi collaborazioni di David Bowie:

Pat Metheny e David Bowie

Nel 1985 il Duca Bianco collaborò con uno dei più grandi jazzisti della storia: Pat Metheny. David Robert Jones e Patrick Bruce Metheny registrarono il brano “This Is Not America” per la pellicola “Il gioco del falco” di John Schlesinger. Pat, parlando del lavoro di Bowie e del testo disse: “è veramente profondo e ricco di significati. Credo sia perfetto per questo film.”

Iggy Pop e David Bowie

Come potremmo non citare in questa speciale collection la storica collaborazione tra David Bowie ed Iggy Pop? L’amicizia tra questi due iconici artisti, infatti, è una delle più note della storia del rock. Nel 1977, proprio in uno dei momenti più bui della carriera di Iggy Pop, i due musicisti di fama internazionale scrissero il brano “Tonight”. “Non ho mai incontrato una persona così geniale come David Bowie” disse Iggy Pop, aggiungendo: “Mi ha fatto risorgere.”

John Lennon e David Bowie

Un’altra storica collaborazione del Duca Bianco fu quella con John Lennon per il Brano “Fame”. All’epoca il singolo, composto nel 1975 ed inserito nell’album di Bowie ‘Young Americans’, riscosse un successo straordinario. Bowie descrisse la canzone come “maligna e vendicativa”, ammettendo di averla scritta pensando al suo ex manager Tony Defries.

Mick Jagger e David Bowie

Nel 1985 David Bowie reinterpretò un brano di Marvin Gaye, ‘Dancing in the Street’, con lo storico membro dei Rolling Stones Mick Jagger. La cover, i cui proventi furono devoluti interamente in beneficenza, riscosse un grande successo: le critiche, però, non mancarono. Sia i fan di Bowie che quelli degli Stones ritennero che il termine ‘Ja-Bo’, coniato dai mass media, era a dir poco ridicolo. Ricordava, infatti, quei soprannomi rifilati alle coppie di Hollywood (vedi Brangelina).

Freddie Mercury e David Bowie

E, dulcis in fundo, una delle più grande collaborazioni di David Bowie: quella con Freddie Mercury per il brano Under Pressure. Il singolo, datato 1982 ed inserito nell’album Hot Space, nacque da un incontro tra Freddie Mercury e David Bowie. Un incontro premeditato, certo, ma che nessuno avrebbe pensato portasse a un capolavoro di questo tipo.

In effetti, la collaborazione tra i Queen e David Bowie inizialmente ci fu per altro. Nel 1981 i Queen erano a Montreux, per effettuare le registrazioni dell’album Hot Space. Per l’occasione, invitarono anche David Bowie, che avrebbe dovuto partecipare ai cori del brano Cool Cat.

Le registrazioni non andarono come previsto e Bowie chiese di non ottenere crediti. Freddie Mercury aveva, però, per lui un progetto più importante che una semplice partecipazioni ai cori di un brano. La collaborazione tra Queen e David Bowie non era certo finalizzata alla creazione di Under Pressure, prodotto nato successivamente a seguito di tutti quei tentativi, non riusciti, di dar vita ad un brano che desse al Duca Bianco non soltanto la marginale importanza da corista, ma un ruolo di primo piano all’interno di una canzone.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)