gtag('config', 'UA-102787715-1');

Eric Clapton e l’amicizia indimenticabile con George Harrison

Quando due grandi artisti interagiscono, può succedere davvero di tutto. Il discorso riguardò anche Eric ClaptonGeorge Harrison, la cui conoscenza è iniziata in maniera alquanto particolare. Ecco la breve storia di un’amicizia indimenticabile tra due musicisti di assoluto rilievo, capaci a loro modo di riscrivere la musica rock e non solo. Eppure, un simile rapporto è nato da un triangolo, con Clapton innamorato della prima moglie di Harrison, Pattie Boyd.

Il primo incontro tra Eric Clapton e George Harrison

Eric Clapton incrociò per la prima volta George Harrison nel 1964. L’incontro avvenne all’Hammersmith Odeon di Londra, in occasione dell’evento natalizio Another Beatles Christmas Show. I Beatles erano presenti all’iniziativa, così come c’erano anche gli Yardbirds con il chitarrista Clapton. George aveva già ottenuto un successo straordinario, mentre Eric era un appassionato di blues che non era ancora riuscito a sfondare definitivamente.

La collaborazione tra i Beatles e i Cream di Clapton

Tre anni dopo, nel 1967, i Fab Four iniziarono a collaborare con i Cream guidati da Eric Clapton, condividendo il management. Un chiaro esempio fu il brano Wonderwall Music, nel quale la chitarra di Clapton appare nella colonna sonora del film Wonderwall, realizzata da Harrison. George chiese aiuto a Clapton per registrare While My Guitar Gently Weeps, inserito nel White Album del quartetto di Liverpool. L’arrivo di Eric fece ricompattare i Beatles, grazie alla capacità di stimolare il gruppo e rimuovere ogni malumore interno. Non a caso, anche John Lennon voleva il chitarrista nella band inglese dopo una fuga temporanea di Harrison.

I successivi incontri musicali tra i due artisti

Negli anni successivi, le partnership musicali tra i due andarono avanti senza sosta. Harrison aiutò Clapton per realizzare Badge, un brano dal testo un po’ sconclusionato che ottenne comunque un notevole successo. Suonò la chitarra per Eric e fu accreditato con lo pseudonimo di Angelo Misterioso per motivi di contratto discografico. Inoltre, furono accolto nel gruppo di Delaney & Bonnie per una serie di concerti ed Eric prese parte all’album di George All Things Must Pass, oltre a partecipare al suo Concert For Bangladesh, evento realizzato come raccolta fondi per i bambini del paese asiatico.

Il triangolo amoroso

Mentre Eric ClaptonGeorge Harrison erano al massimo della loro amicizia, qualcosa scricchiolò. Il primo si innamorò follemente della moglie del secondo, Pattie Boyd. Quest’ultima voleva salvare il matrimonio e scelse di resistere alle avances. Un successo scritto da Clapton, Layla era dedicata proprio a Pattie, ma non bastò. Nel 1970, Harrison scoprì l’amico e la moglie in un attimo di forte affiatamento durante la festa. Clapton spiegò tutto e la Boyd decise di tornare a casa insieme a suo marito. Eric entrò in una crisi assoluta, con depressione e dipendenza da eroina. Nel 1976, Pattie avrebbe divorziato da George ed Eric poté incoronare il suo sogno d’amore, con il matrimonio celebrato nel 1979. Dopo circa dieci anni, la coppia divorziò a causa dell’infedeltà del chitarrista.

L’intesa intatta tra Harrison e Clapton

Nonostante le vicende sentimentali, Eric ClaptonGeorge Harrison continuarono a restare amici. Nel 1991, Eric convinse George a cantare insieme in un tour del 1991, dando vita anche ad un album insieme, il Live In Japan. L’interazione andò avanti fino al 2001, quando l’ex membro dei Beatles scomparve tragicamente. Il 29 novembre 2002, Clapton fu direttore musicale del Concert for George, un omaggio al suo carissimo amico tenutosi alla Royal Albert Hall di Londra. Il chitarrista invitò colleghi e amici in un evento davvero tutto da ricordare.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)