gtag('config', 'UA-102787715-1');

Foo Fighters, Dave Grohl: ‘dopo ogni tour penso sempre che sia l’ultimo, ma poi…’

Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana ed attuale vocalist dei Foo Fighters, è uno dei musicisti più apprezzati della scena rock. Un artista sempre disponibile, gentile ed educato, sorridente e sempre pronto a soddisfare qualsiasi richiesta dei fan, che quando sale su un palco si trasforma in una vera e propria macchina da rock. Il musicista di Warren è questo e tanto altro ancora. Attivo nel campo campo musicale da oltre 30 anni, Dave Grohl si è recentemente soffermato sulla faticosa vita da tour.

L’esperienza con i Nirvana e i Foo Fighters

Sono circa 33 anni che Dave Grohl è un punto fermo del rock. Prima batterista dei Nirvana, poi frontman dei Foo Fighters, la rockstar è ben consapevole di tutti i pro e i contro di essere un musicista di fama mondiale. E, nonostante ormai sia abituato a salire sui palcoscenici internazionali, ogni volta per lui sembra essere come la prima.

“A volte quando suono per persone che non conosco mi sento come un bambino di sei anni con i pantaloni abbassati”, rivelò durante un’intervista. “Non lavoro mai ad un album pensando ‘wow, siamo la band più grande al mondo’, sarebbe veramente un grave errore. A volte magari potresti convincerti di ciò quando sei in sala di registrazione e ti sembra tutto perfetto, ma quando sei in una stanza con degli sconosciuti o dinanzi ad un vasto pubblico è tutto diverso”, aggiunse.

Dave Grohl: ‘dopo ogni tour penso sempre che sia l’ultimo, ma poi…”

Nonostante Dave Grohl ami il suo lavoro -e su questo non c’è dubbio- a volte non riesce più a reggere certi ritmi da star del rock. Dopo ogni tour con i Foo Fighters, ad esempio, Dave Grohl non vede l’ora di tornare a casa e, magari, prendersi anche un bel periodo di pausa da concerti, registrazioni etc etc.

“Dopo essere stato tipo un anno, un anno e mezzo in tour, sento il bisogno di tornare a casa. E, a volte, mi dico ‘ok questo è stato il mio ultimo tour, non ne farò altri, voglio prendermi una pausa da tutto ciò’, ma poi sappiamo tutti come va a finire veramente…”

Il frontman dei Foo Fighters in realtà non riesce a stare nemmeno un secondo senza la sua amata musica e, questo, lo sanno anche i suoi colleghi: “quando dico quelle cose, tutti i miei amici mi guardano e dicono: ‘stronzate!’ … alla fine non hanno poi così torto. Dopo ogni pausa non vedo l’ora di riprendere la chitarra e produrre nuova musica. Chiamo i miei colleghi e dico: ‘facciamo un altro disco?’, finisce sempre così.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)