gtag('config', 'UA-102787715-1');

Foo Fighters: Quella volta che Taylor Hawkins stava entrando nei Guns N’Roses

I Guns N’Roses sono una delle band più iconiche di tutti i tempi. La leggenda di Axl Rose e Slash affonda le radici in un sound prorompente. Una scarica di Hard Rock aggressiva ed unica nel suo genere. Oggi, i Guns N’Roses rappresentano una vera e propria istituzione per gli artisti che annoverano il panorama musicale moderno, visto l’ammontare di pietre miliari su cui hanno messo la firma. La straordinaria storia dei Guns non mancò di enormi controversie che, alla fine, portò ad uno degli scioglimenti più traumatici nella storia del Rock N’Roll.

A raccogliere le ceneri della band fu lo stesso Axl che, decise di portare avanti la sua opera con il nome della band ed una nuova line up. Quello, fu per Rose un periodo molto buio. L’esuberanza di Rose portò alla pubblicazione di Chinese Democracy, sesto album del gruppo pubblicato nel 2008, che ebbe tempi di produzione biblici a causa della miriade di complicazioni sorte nel corso del tempo.

A prendere parte alle sessioni d’incisione del controverso album, furono diversi musicisti; uno di quelli che ricevette la chiamata alle armi dal frontman dei Guns N’Roses, fu Taylor Hawkins, batterista di una band, già di per sé, straordinaria, i Foo Fighters. In quest’articolo, abbiamo deciso di riportare la storia di quella volta in cui Taylor Hawkins dei Foo Fighters stava per unire le forze con ciò che restava dei Guns N’Roses per Chinese Democracy.

Una star inaspettata distolse Taylor Hawkins dei Foo Fighters dall’entrare nei Guns N’Roses

Nel corso di un’intervista rilasciata dal batterista nel 2019 nel periodo di promozione di Get The Money, album del suo side project coi Coattail Riders, Taylor Hawkins dei Foo Fighters raccontò una serie di aneddoti particolarmente interessanti sul suo conto. Tra questi, ovviamente, Hawkins citò la storia di quando rischiò di unirsi ai Guns N’Roses per le estenuanti sessioni d’incisione di Chinese Democracy. Questa storia, affonda le radici nel periodo in cui Taylor Hawkins era in tour con i Foo Fighters per There Is Nothing Left To lose, fu allora che il batterista venne contattato dallo staff del frontman dei Guns N’Roses che stava tentando di rimettere il gruppo in piedi.

Hawkins definì quella telefonata “irreale”, ma a quanto pare, un Rock Star leggendaria come poche, accorse in suo aiuto, sanando ogni suo dubbio. Roger Taylor dei Queen, infatti, distolse Hawkins dall’entrare nei Guns N’Roses dicendogli che, vedendo lui e Grohl sul palco con i Foo Fighters, cogliesse un’alchimia potentissima che, ovviamente, non avrebbe potuto ritrovare con Axl Rose.

Hawkins non ci pensò due volte, dando ragione all’iconico collega. Nessun parere sarebbe potuto essere più prezioso di quello di Roger Taylor che, a prescindere dalla sua figura leggendaria, aveva avuto modo di assistere alla potenza del legame tra Brian May e Freddie Mercury sul palco, prima ancora che i Queen esplodessero su scala mondiale, rifiutando l’offerta di un’altra band, i Mott The Hoople.

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)