gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury, quel consiglio di Michael Jackson che fece svoltare la carriera dei Queen

Nella loro carriera i Queen hanno pubblicato un elevatissimo numero di singoli, album, canzoni e grandi capolavori, che hanno ottenuto un successo planetario e che ancora oggi vengono ricordati come alcuni dei prodotti migliori che siamo stati realizzati nella storia della musica. Vale la pena anche considerare la portata mediatica e commerciale della maggior parte di questi successi, in un’accezione positiva che porta a pensare a quanto lavoro di pubblicizzazione e di concezione comunicativa ci sia stata nella realizzazione di brani fantastici come Bohemian Rhapsody, We Are the Champions e tanti altri ancora. Eppure, tra i prodotti che sono universalmente riconosciuti come migliori dei Queen ce n’è uno che la band stessa non voleva pubblicare, non ritenendolo all’altezza della sua produzione. Per questo motivo, è stato fondamentale un consiglio di Michael Jackson, che è stato in grado di cambiare la carriera dei Queen e di caratterizzare una svolta per la formazione britannica e per il suo leader, Freddie Mercury. Ma a che cosa ci riferiamo nello specifico?

Il consiglio di Michael Jackson e il successo dei Queen

Nel parlarvi di quel consiglio di Michael Jackson che fece svoltare la carriera dei Queen, ci riferiamo ad un singolo nello specifico, che prende il nome di Another One Bites The Dust Dust. Il singolo dei Queen, che anticipa una tendenza artistica che portò a quel parziale insuccesso di Hot Space, venne realizzato e scritto da John Deacon, il bassista della formazione. Tuttavia, la band britannica non era assolutamente convinta del valore del singolo, che verteva verso uno stile e verso una concezione musicale del tutto lontana dai canoni prestabiliti dalla formazione britannica.

Per questo motivo, la band di Freddie Mercury non volle pubblicare il suo pezzo, per quanto ciò gli fosse stato suggerito da diverse personalità, tra cui un roadie della band. Ci fu bisogno, a questo punto, del consiglio di Michael Jackson, in grado di far svoltare la formazione. Al termine di uno show che era stato realizzato durante il The Game Tour, il re del pop raggiunse la formazione e spiegò, in termini semplici, che se non avessero pubblicato un singolo di così tanto grande valore sarebbero stati dei matti. Di fronte a dichiarazioni di questo tipo che provenivano da chi di successo se ne intendeva, i Queen decisero di pubblicare Another One Bites The Dust sotto forma di singolo, ottenendo un successo planetario. Ad oggi, si riconosce nella canzone uno dei più grandi successi dei Queen, non soltanto grazie alle oltre 7 milioni di copie vendute in tutto il mondo, ma anche grazie a quella nuova tendenza artistica inaugurata proprio grazie a questo singolo, riconosciuto come uno dei migliori della band britannica.

L’insuccesso dei Queen con Hot Space

Per quanto la storia abbia dimostrato che possono esistere dei finali lieti, allo stesso tempo bisogna sottolineare che per ogni grande successo esiste anche una controparte negativa. Il grandissimo successo popolare del singolo che era stato pubblicato dai Queen portò la formazione a pensare che un intero album basato su sonorità funk e oggetto dell’utilizzo del sintetizzatore potesse avere un’effettiva rilevanza commerciale. Purtroppo, l’album in questione, che prende il nome di Hot Space, non ebbe tutto l’effetto sperato da parte della band britannica, caratterizzandosi come un vero e proprio insuccesso. Eppure, anche in un insuccesso commerciale e di critica, i Queen riuscirono ad ottenere un grande ritorno di pubblico e soprattutto dei veri e propri gioielli all’interno dell’album, tra cui spicca il capolavoro Under Pressure, realizzato in collaborazione con David Bowie.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.