gtag('config', 'UA-102787715-1');

Guns N’ Roses, Slash: “Ecco come sono nati i miei riff migliori”

Fa sempre piacere ritrovarsi di fronte ad artisti che si svelano attraverso interviste, dichiarazioni e pensieri che dicono molto del loro carattere e della loro personalità. Si tratta di un modo incredibile di rapportarsi a quel complesso sistema di ragionamento che si trova alla base dei più grandi capolavori della storia della musica o, quanto meno, del modo di realizzare e concepire un prodotto da parte di un artista. In questo caso vogliamo parlarvi di Slash, storico chitarrista dei Guns N’ Roses che, in una esclusiva intervista, si è rivelato spiegando come siano nati i suoi riff più celebri.

Slash parla di Boulevard Of Broken Hearts e di Living The Dream

Una delle ultime e significative pubblicazioni di Slash, in collaborazione di Myles Kennedy & The Cospirators, è stata quella di Boulevard Of Broken Hearts, album pubblicato nel 2018 e piuttosto significativo nell’ambito della storia della musica contemporanea e ricco di vere e proprie perle. Una di queste è Living The Dream, di cui ha parlato compiutamente Slash: “Abbastanza divertente, quella è stata una delle poche volte in cui mi sono seduto e in realtà ha detto: ‘Ho bisogno di scrivere qualcosa’. C’è stata una pausa dal tour dei Guns N ‘Roses nell’inverno del 2018, e ho usato quel tempo per mettere insieme questo disco. Ho trascorso da Natale fino a quando, credo, a marzo per finire di scrivere e poi registrare l’album. Quindi ero seduto sul divano a guardare la TV – mi siedo sempre in giro per casa con una chitarra – e ho iniziato a trovare quella cosa a picking a corda singola sulla corda D. Avevo quella piccola melodia, e da lì in qualche modo si è scritta da sola. E poi l’ho portato in prova qualche settimana dopo e ho iniziato a ridimensionarlo con i ragazzi. Da lì, l’accordo si è riunito principalmente strumentalmente. Dopodiché, Myles lo ascoltò e tirò fuori la melodia vocale. Quindi è stata una canzone molto semplice e scritta velocemente.”

Nel parlare dell’album, Slash si è riferito anche al tempo impiegato per realizzare The Great Pretender: “Quello era come il rovescio della medaglia di “Boulevard of Broken Hearts” per quanto riguarda il tempo impiegato per svilupparlo. Quando è arrivato per la prima volta, è stata solo la melodia della chitarra di apertura. Non riesco nemmeno a ricordare dove fossi quando è stato messo insieme, ma è stato qualcosa che è iniziato con tre note, e poi si è integrato in tutto quel tipo di melodia che è l’introduzione.”

Come nascono i riff di Slash?

A proposito di realizzazioni e di album, Slash ha parlato anche di quella base che si ritrova nella realizzazione dei suoi riff che hanno ottenuto la storia. Non certamente un processo semplice, come ha spiegato il chitarrista:Mi vengono in mente molti riff. Per quanto riguarda quelli che funzionano, hanno qualcosa che mi piace, sia che si tratti di una successione di note o di un ritmo o di una melodia. Il fatto è che posso sedermi e suonare la chitarra tutto il giorno e a volte non riconosco un buon riff. Potrebbe non catturarmi l’orecchio. Ma se mi siedo e ci lavoro davvero con altre persone, sentono quello che mi manca e dicono: “Oh, sì, sarà fantastico.” Ma qualcosa deve prendermi in primo luogo prima che io possa concentrarmi su di esso e perseguirlo come un riff.”

E ancora: “Una volta che hai un riff, un cambio di accordo, una piccola sezione di chitarra o qualunque altra cosa ti afferri davvero, c’è una buona dose di immaginazione che ti pervade. Inizi a immaginare dove sta andando. Di solito, l’unico modo in cui posso davvero dire se vale la pena di continuare è suonare e suonare con la batteria. Questa è la prima cosa. Alla fine, devo ascoltarlo con il basso e la batteria, ma prima ascolto la batteria, solo per avere un’idea del ritmo.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.