gtag('config', 'UA-102787715-1');

Guns N’ Roses, a chi è dedicata Don’t cry?

Don’t Cry è, senza dubbio, uno dei brani di maggior successo nella discografia dei Guns N’ Roses, nonché uno dei primi brani che siano mai stati realizzati dalla formazione hard rock statunitense, nonostante sia stato inserito – in due versioni differenti – in Use Your Illusion I e II. La canzone dei Guns N’ Roses, che rappresenta uno spaccato importante non soltanto nella carriera della formazione statunitense, ma anche nella vita di Axl Rose, ha un significato di grande valore, che si inserisce a pieno merito in quella che viene considerata come la trilogia della band, contenente anche November Rain e Estranged, i cui video ufficiali costruiscono una trama piuttosto significativa insieme al primo dei tre brani.

La storia di Don’t Cry, canzone dei Guns N’ Roses presente in Use Your Illusion I e II

Don’t Cry è singolo del gruppo musicale statunitense Guns N’ Roses, pubblicato in due momenti e in due versioni differenti, all’interno dei due album Use Your Illusion I ed Use Your Illusion II (usciti entrambi nel 1991). Il brano, per quanto sia inserito nelle pubblicazioni del 1991, è stato uno dei primi ad essere realizzato da parte della formazione statunitense, come dimostrano alcune esibizioni dal vivo che risalgono addirittura al 1985. Nello specifico, secondo la storia che ha visto come protagonista Axl Rose e il suo amore non ricambiato, il brano è stato realizzato in soli cinque minuti.

Per quanto riguarda la realizzazione delle registrazioni, i Guns N’ Roses collaborarono anche con Shannon Hoon dei Blind Melon, un amico di Axl Rose cresciuto nell’Indiana; quanto al video ufficiale del brano, tra i tanti elementi presenti all’interno del primo capitolo della trilogia di cui vi faremo successivamente menzione, è presente un cappellino dedicato a Kurt Cobain: non è sconosciuta la grande stima – anche questa assolutamente non ricambiata – da parte di Axl Rose per il leader dei Nirvana.

Guns N’ Roses: a chi è dedicata Don’t Cry?

A questo punto, prendiamo in considerazione l’interrogativo del nostro articolo: a chi è dedicata Don’t Cry? Come dimostra la storia stessa del pezzo della formazione statunitense, il brano è uno dei primi che sia mai stato realizzato da parte della band, in un contesto di vita piuttosto importante non soltanto per Axl Rose, ma anche per tutti gli altri membri della formazione stessa.

In effetti, la donna di cui parla il brano era oggetto dell’amore di Axl Rose, nei primi anni di collaborazione tra i membri della band; la ragazza stessa, che usciva con Izzy Stradlin ma che aveva ceduto alle lusinghe del leader dei Guns N’ Roses, decise di non intraprendere una relazione con il cantante, dal momento che sapeva che non sarebbe potuta funzionare. Per questo motivo, nel dire al cantante delle sue intenzioni, la ragazza chiese ad Axl Rose di non piangere: le sue parole, in un momento difficile e negativo, sono state determinanti per la formazione di una canzone che ancora oggi è riconosciuta come una delle più importanti della band.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.