gtag('config', 'UA-102787715-1');

I migliori videoclip a basso costo realizzati da artisti che hanno fatto la storia

In numerose occasioni abbiamo avuto modo di sottolineare quanto importante sia la funzione di un videoclip, in grado di offrire un supporto mediatico di grandissimo livello e di portare, in alcune occasioni, al successo di una formazione o di un singolo nello specifico. Per questo motivo, diversi artisti hanno investito particolarmente su videoclip ufficiali, per supportare i loro successi. Eppure, in altre realtà, ci si è rapportati ad alcuni videoclip che hanno fatto la storia pur essendo incredibilmente low budget, e realizzati attraverso un bassissimo investimento in termini di fondi. Vogliamo parlarvi, per questo motivo, dei migliori videoclip a basso costo realizzati da artisti che hanno fatto la storia.

Shakermaker – Oasis

Il primo tra i migliori videoclip realizzati a basso costo da artisti che hanno fatto la storia è, senza dubbio, il videoclip di Shakermaker, secondo singolo degli Oasis e brano in grado di raggiungere la posizione 11 nella classifica britannica relativa alle vendite di singoli e brani. Il videoclip in questione contiene numerosissimi riferimenti all’infanzia dei fratelli Gallagher, e ciò ha permesso di realizzare il video all’interno di un ambiente low budget.

Il videoclip si svolge all’interno del giardino di una villa di Manchester, e si arricchisce di un piccolo filmino che ritrae Noel Gallagher all’età di soli sei anni: insomma, tutti elementi che non hanno certamente richiesto una spesa considerevole in termini di budget, ma che hanno portato comunque alla registrazione di un videoclip efficace.

Shiver

Se parliamo di videoclip low budget, ma che allo stesso tempo hanno ottenuto un grande successo, non si può menzionare il video di Shiver, singolo dei Coldplay pubblicato il 6 marzo del 2000. Il video musicale in questione è stato diretto è girato da Grant Gee, autore di numerosi videoclip per i Radiohead ma che, in questo caso, non si è dedicato ad un prodotto di grandissima complessità strutturale, e che, di conseguenza, non ha portato a grandi spese in termini di budget. Il videoclip in questione mostra semplicemente i Coldplay eseguire il brano all’interno di una sala bianca, con degli elementi di grande rilievo, come un mappamondo presente nella copertina dell’album Parachutes.

I Bet You Look Good On The Dancefloor

Chiudiamo questa nostra classifica con il videoclip di I Bet You Look Good On The Dancefloor, canzone degli Arctic Monkeys e primo singolo dell’album di debutto della band, del 2005. Il singolo in questione è stato pubblicato il 14 ottobre del 2015, e ha ottenuto un grandissimo successo giungendo al primo posto della classifica relativa alle vendite di singoli in Gran Bretagna, vincitore anche del best track agli NME Awards, il 23 febbraio del 2006. Non solo, dal momento che la canzone è stata decretata come brano dal ritornello più esplosivo nel febbraio del 2012. Eppure, il videoclip di questa stessa canzone non è stato certamente dispendiosa dal punto di vista di budget da parte della band britannica, che si è dedicata ad una semplice registrazione di un’esibizione dal vivo del singolo, in compagnia di un pubblico che scruta l’esibizione con grande interesse e piacere.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.